L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

10/02/2007 18:41:01

DEPRESSIONE ED ANSIA?

Salve, ho 25 anni e ho bisogno di aiuto. Circa 2 mesi fa, causa forte stress lavorativo, ho conosciuto per la prima volta un attacco di ansia manifestatos con il non riuscire a dormire la notte e sensazioni di calori per il corpo. Da quel momento non sono più andato a lavorare e sono ancora a casa. Mi sono rivolto in un primo momento ad una psicologa e uno psichiatra, ma leggendo gli effetti dei psicofarmaci li ho presi un solo giorno. Dopo un mese ho deciso di riprendere i farmaci (anseren 15 mg. e noritren 10 mg.). Alchè dopo un mese che non avevo risultati ma mi sentivo sempre più male ho cotattato un altro pichiatra e mi ha prescritto un'altra cura con eutiil 20 mg. e xanan gocce. Il problema è che io non riesco ad alzarmi dal letto e non ho voglia di uscire, anche se mi sforzo sono totalmente assente e mi rendo conto di avere spesso lo sguardo nel vuoto. Eseendo poi un ragazzo che faceva sport, e stando da due mesi a letto, stò malissimo anche fisicamente. Inoltre non sopporto rumori, e mi sento molto frastornato. Adesso sono al 15 gg. di cura con eutimil e xanax. Cosa mi consigliate?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/02/2007

Sembrerebbe una manifestazione acuta di Depressione con una forte componente ansiosa. La cura che sta facendo è buona, ma deve tenere conto che i risultati si vedono dopo almeno due settimane. Se nel giro di pochi altri giorni non vede miglioramenti, contatti lo psichiatra e veda con lui se non è il caso di provare una ltro tipo di molecola, simile a quella dell'eutimil, ma con piccole differenze che a lei potrebbero risultare più efficaci. Ad esempio il citalopram. Forse però lei ha anche bisogno di un sostegno psicoterapeutico. Soprattutto considerando la giovane età credo che sarebbe importante anche riorganizzare gli aspetti intrapsichici. Se decide per questa strada si informi prima bene della formazione della persona a cui si rivolge. Dire "psicologo" non vuol dire nulla. Lei deve accertarsi che la persona in questione, medico o psicologo che sia, abbia una effettiva formazione in psicoterapia il che comporta che dopo la laura si sia fatta una specializzazione di quattro anni almeno. Si informi anche sulla specificità della formazione.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra