L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

30/10/2007 15:44:30

Disturbi comportamentali

Gentile esperto,
Le scrivo a proposito di mia madre (anni 53).
Da un po' di anni manifesta una serie di disturbi che sia lei sia il medico curante sottovalutano (a mio avviso) attribuendoli a un generico stato di "depressione".
Mia madre è apparentemente una persona del tutto normale, che lavora molto ed è apprezzata dai suoi colleghi.
Non ha avuto (e non ha) una vita "facile": problemi alla vista, rapporti conflittuali con i suoi familiari, progressivo deterioramento del rapporto affettivo con mio padre (stanno ancora insieme ma non c'è vera intimità fra loro, semplicemente si sopportano a vicenda), solitudine (non ha praticamente amici e tutta la sua esistenza è incentrata sul lavoro e sulla famiglia).
A chi la vede dal di fuori può sembrare solo un po' stressata. Ha sbalzi d'umore (con alternanza di momenti di relativa calma ad altri di spiccato nervosismo e irritabilità), cura poco la propria igiene personale (tanto che a volte sono io a doverle chiedere di lavarsi), dice di essere sempre stanca, riesce a dormire solo prendendo un medicinale che le ha prescritto il dottore.
Accanto a questi disturbi ce ne sono altri che mi preoccupano particolarmente. Spesso parla da sola dicendo cose prive di senso (per esempio mentre guarda la televisione la sera, le capita di frequente di chiamare ad alta voce la madre che è morta da molti anni; oppure chiama mio padre, pur "sapendo" che non è in casa; o pronuncia ad alta voce frasi del tipo "io sono preoccupata" o chiama per nome persone che probabilmente fanno parte del suo passato, a me sconosciute). Capita inoltre che durante una conversazione con me o con altre persone lei cambi bruscamente argomento (causando imbarazzo nel suo interlocutore), oppure dia l'impressione di non ascoltare più chi le sta parlando: è come se improvvisamente ci fossero delle "interferenze" nel suo cervello. Altre volte, mentre siamo a tavola, noto che lei è "assente", ha uno sguardo perso..tanto che rivolgendole la parola non risponde subito. Infine (non so se può essere legato ai disturbi che ho descritto precedentemente) mia madre soffre da un po' di tempo di un prurito intenso e generalizzato (che lei definisce come "interno"), per il quale non sono state finora individuate cause organiche.
Io vivo con mia madre, e a causa di questi suoi disturbi non riesco più ad avere con lei un rapporto sereno (faccio fatica a sopportare le sue stranezze anche se mi rendo conto che non dipendono completamente dalla sua volontà).
Non so a chi rivolgermi anche perché mia madre non accetta la possibilità di avere un problema psichiatrico o psicologico..(quando affronto l'argomento dice, a metà tra l'irritato e l'ironico, "si vede che sarò matta").
Come posso fare? chiedo un consiglio.
Spero in una vostra risposta.
V.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/11/2007

Mi stupisce che tutti questi segnali vengano sbrigativamente classificati " Depressione ". Credo che andrebbe fatta una valutazione psichitarica senza aspettare un peggioramento. Spesso il buon esito di una cura deriva dalla tempestività dell'intervento.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra