L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

08/01/2007 20:35:06

E' il farmaco giusto?

Gentilissimi dottori,
ho 42 anni e dopo anni di sofferenze, sotto la spinta dei miei familiari, ho iniziato a curarmi una depressione maggiore e da 75 giorni sto assumendo entact 10mg una volta al giorno e xanax 0,50 due volte.
Adesso, in confronto a quando ho iniziato la cura sono meno teso e nervoso e un pò meno triste; io però pensavo che assumendo antidepressivi sarei stato molto più sereno di come lo sono adesso e in maniera più costante anche in coincidenza di "pressione psicofisica" ( ho problemi di udito ).
Poichè l'entact agisce solo sulla serotonina, può essere che io abbia invece problemi con la dopamina e la noradrenalina? e che quindi ho bisogno di farmaci che agiscano su questi neurotrasmettitori e non sulla serotonina?
Fra 20 giorni ho la visita di controllo, secondo voi dovrei dire al dottore che mi sta seguendo di lasciar perdere la serotonina e di provare un'altro farmaco?
Vi ringrazio per il vostro vonsiglio e vi saluto cordialmente.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del11/01/2007

Non conoscendola di persona mi è difficile stabilire quale tipo di antidepressivo le può andare meglio. Vorrei però dire che la Depressione non è solo un problema biochimico. E' anche un problema di disequilibrio nei processi psichici di adattamento. Lei dice di avere un problema di sordità: la sordità di per sè non provoca depresisone, ma è molto frequente che metta la persona in una condizione di insicurezza e bisogno di tenere tutto sotto controllo in maniera stressante. Tutto ciò alla lunga può essere una concausa nell'origine della Depressione . Credo che col suo medico curante dovrebbe valutare gli aspetti non solo farmacologici, ma anche quelli che riguardano la vita di relazione. Insomma, capire se si può intervenire a livello di qualità della vita di relazione.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra