L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

24/06/2005 08:34:55

Ernia discale- per il dr. Giovanni Migliaccio

Buongiorno..gentilmente lei mi ha gia' risposto il 12 giugno..sono Raffaella..e le avevo scritto per la mia ernia del disco...morale della favola...la seconda discolisi (la prima era con ozono e ossigeno, questa era una coblazione) e' stata fallimentare...lasciamo perdere...i medici hanno quindi deciso di operarmi per via tradizionale il 20 giugno..le allego il referto..accesso long.mediale su L5S1 asportz del giallo e ampiamento dello spazio asportando un pochino di lamina. spostata la dura e la radice S1 si evidenzia ernia contenuta che viene asportata con incisione a croce con tenotomo. la radice e' libera. emostasi..sutura per piani..
decorso post op. regolare..ferita in ordine....
speriamo in bene?????ora devo stare a riposo circa due settimane...volevo gentilmente avere un suo gentile parere sul tutto....grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/06/2005

Gentile signora Raffaella,
dalla descrizione dell'intervento sembra che sia andato tutto bene. Ora osservi il riposo prescritto e poi riprenda la Sua attività e la Sua vita esattamente come prima, avendo alcune accortezze (che tutti dovremmo avere, operati e non) come per esempio evitare posture scorrette, sollevare pesi oltre i 5-6 Kg..ecc. Come Le dicevo in precedenza i rischi della "recidiva" sono praticamente nulli se l'intervento è stato ben condotto. Per quanto riguarda le due precedenti tecniche esse hanno precise indicazioni e modalità di esecuzione, ma vi è statisticamente una percentuale di insuccesso di circa il 15-20% per molti motivi. In ogni caso quando una terapia è "fallimentare" come dice Lei, non sempre lo è per errori di diagnosi o di tecnica e rimediare al fallimento di una terapia è uno dei compiti più importanti della Medicina e della Ricerca.
Le faccio i migliori auguri per la Sua convalescenza e rimango disponibile per qualsiasi necessità
Cordialmente

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra