L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

16/12/2005 06:14:23

Impotenza funzionale dell'arto superiore sx

Nel maggio 2004 l'arto superiore sx presentava improvvisa difficoltà di movimento.Dopo numerosi cosulti medici ed esami diagnostici è stata formulata diagnosi di:ernia discale c5-c6 postero laterale destra che impronta il sacco durale ed il parenchima midollare contiguo coinvolgente nettamente la porzione prossimale della tasca radicolare C6 di destra in C6-C7ampia protrusione posteriore mediana e paramediana sx che determina ulteriore evidente impronta durale anteriore e contatto sulla porzione prossimale della tasca radicolare C7 di sx,associata anch'essa a stenosi foramidale omolaterale .Succesivo intervento chirurgico con asportazione di "costa"dell'egresso toracico sx ed a distanza di circa sei mesi ulteriore intervento discectomia ed erniectomia C6-C7 con posizionamendi cage interdiscale, non hanno prodotto alcun miglioramento in ordine al problema iniziale.considerato che la R.M.N.eseguita prima dei due interventi chirugici evidenziava:Attenuata la fisiologica lordosi cervicale ,stenotici i diametri sagittali del canale vertebrale e del sacco durale .Alterazioni degenerative interessano tutti i dischi,in C5-C6 un'ernia discale postero laterale destra impronta il sacco durale ed il parenchima midollare contiguo coinvolgendo nettamente la porzione prossimale della tasca radicolare C6 di destra. In C6 -C7 un'ampia protrusione postero mediana e paramediana sinistra determina ulteriore evidente impronta durale anteriore e contatto sulla porzione prossimale della tasca radicolare C7 di sx associata anch'essa a stenosi foramidale omolaterale su base anche osteofitaria.Osteoporosi diffusa.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/12/2005

Gentile signora,
da quello che mi descrive è probabile che debba sottoporsi a un intervento chirurgico più esteso.
Non posso dirLe di più se non vedo gli esami e il paziente.
Cordialità

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra