L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

05/11/2006 15:36:51

Intervento ernia inguinale

Caro dottore ,sono un ragazzo di napoli,precisamente un mese e tre giorni fa,ho subito un intervento di ernia inguinale a dx,sulla ferita compreso il "cordone" che si forma su di essa sto bene e non ho problemi e quando la tocco non mi fa male!!Il problema peròè che vicino alla ferita e al "cordone"(della ferita) noto e si sente anche al tatto sotto la pelle,una specie di altro "cordone" duro(come se fosse un nervo)che sale dalla zona da me desritta verso sopra(verso la pancia(lato destro)e mi fa molto male quando lo tocco, e soprattutto quando mi stendo o cammino fa male e mi tira, per non parlare poi di quando faccio un movimento un po più articolato sento un dolore inaudito(come una "pugnalata")!!Premetto che sin da dopo l'operazione notavo questo "cordone"(se così lo vogliamo chiamare), e non dava poi fastidio più di tanto anche se si sentiva sempre molto al tatto!!!Però è da giorni che fà più male e mi impedisce quindi di dare movimenti che magari prima(quando dava meno fastidio)facevo!!Voglio dire che però giorni fà il mio medico mi visitò la pancia con le tipiche manipolazioni che si effettuano(ma non notò questo problema anche perchè non dava poi tanto fastidio) e noto che da lì è peggiorata la situazione!!Mi avrà infiammato la zona già "infiammata"???Cosa potrebbe essere??Spero solo che non sia un intervento che è stato sbagliato!!!!!Sono abbastanza preoccupato oltre che infastidito dal "problema"!!!!Attendo con ansia vostro parere...grazie e cordiali saluti!!

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/11/2006

Aveva avuto dolori anche prima dell'intervento? Quale tipo di ernioplastica è stato effettuato?Comunque, attenda ancora un mese circa ,prima di valutare il risultato dell'intervento e si sottoponga nel frattempo ad una terapia con farmnaci antinfiammatori (e gastroprotettivi).

Prof. Paolo Negro
Universitario
Specialista in Chirurgia apparato digerente
Specialista in Chirurgia generale


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra