L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

22/12/2005 19:38:51

Massa mediastinica

Mio padre (58 anni) ha avuto un carcinoma spinocellulare in cavità orale (branca montante della mandibola, tonsilla destra, palato molle). E' stato asportato ed effettuato chemio e radioterapia combinate. Dopo 6 mesi circa la TAC evidenzia una massa mediastinica (che prima non c'era). E' stato fatto un altro ciclo di chemio, la massa non è regredita, il paziente è stremato. Qualcuno può fare una diagnosi della massa? Sicuro che sia lo stesso tipo di tumore? Sicuro che sia un tumore? Perchè nessuno al Policlinico di Bologna vuole dirmi se c'è la possibilità di fare una diagnosi certa ed eventualmente vedere se esistono altre terapie oltre alla solita vecchia chemio?
Il chirurgo toracico non vuole fare biopsie e dicono che non c'è altro da fare.
Prossimo controllo tra 3 mesi hanno scritto sul referto. Lo hanno fatto così sperano di non rivederlo più?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/12/2005

Nel frattempo, se non vogliono eseguire terapie più specifiche, farei la terapia Di Bella, con terapia omeoptica e omotossicologica di accompagnamento, questa ultima può essere fatta anche in combinazione con la chemio-trerapia, rende "il paziente è stremato" molto meno stremato e in grado di reggere meglio. saluti Alberto Moschini 3488240402 alberto3691@alice.it

Dott. Alberto Moschini
CARRARA (MS)


Risposta del28/12/2005

Gentile utente,

purtroppo una massa che si presenta dopo 6 mesi dall'asportazione di un carcinoma e relativa chemio-radioterapia non è certo un buon segno e tutto lascia pensare ad una forma ripetitiva dello stesso tumore di base, come forse pensano i colleghi di Bologna.
Quando si parla di chemioterapia non si può dire "vecchia": è vero che la terapia con farmaci antiblastici ha parecchi anni, ma è altrettanto vero che la farmacologia si è evoluta,utilizzando nuove sostanze chimiche e metodi di somministrazione assolutamente "nuovi" e soprattutto mirati a questo o quel tipo di tumore.
Infine, anche una "semplice" biopsia mediastinica non è scevra di rischi in un sogetto defedato.
Saluti
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica Estetica


Dott. Claudio Bernardi
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
ROMA (RM)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra