L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

13/01/2008 16:28:20

Non riesco a capire

Buongiorno,
mi chiamo andrea e ho 17 anni. Sono sempre stato un tipo molto legato a mia mamma e alla famiglia ma è molto tempo circa 2 anni che nn mi voglio staccare da lei, le sto sempre vicino la seguo quando esce per la paura che gli possa succedere qualcosa, capita che faccio io le faccende e nn farla stancare, e cerco di nn farla innervosire xkè ho paura che per qualche litigiuo se ne vada e nn torni più.
per questo legame rinuncio a tante cose tra cui nn esco mai con i m iei amici e di questo mia mamma nn è contenta.
come posso fare per distaccarmi da lei per vivere meglio e far vivere meglio anche mia mamma?....asp presto una risposta

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/01/2008

Una delle tappe della crescita consiste nel riuscire a mantenere legami affettivi con i genitori senza però riprodurre la dipendena che fisiologicamente si vive nelle prime fasi dell'infanzia. Non è facile trovare la giusta distanza alla quale mettersi! Una distanza che salvaguardi l'affettività ma al tempo stesso permetta di sperimentarsi come persona autonoma ed indipendente. In questo processo possono riattivarsi paure inconsce, quali il timore che la lontananza significhi perdita totale, o che il distacco, anche fisico, significhi morte. In realtà ,se si trova la giusta distanza,il rapporto affettivo diventa ancora più bello e forte perchè si può con tranquillità sperimentare la gioia dell'autonomia e la gioia del ritrovarsi. Anche il genitore è felice di questo sano distacco perchè in questo modo ha la riprova che il figlio è cresciuto (e questo è l'obiettivo di ogni genitore!) Se senti che questa angoscia è troppo forte e da solo non riesci a trovare la giusta via, ti consiglio di rivolgerti direttamente ad uno psicoterapeuta. Il rischio che corri è di non riuscire a fare il "salto" verso l'età adulta e a restare prigioniero di paure e ansie.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra