Screening per battere depressione postparto

17 dicembre 2010
News

Screening per battere depressione postparto



Con l'attivazione di uno screening, attraverso un questionario da distribuire alle partorienti, la presentazione di un documento sulla depressione perinatale e la creazione di un portale web informativo, prende il via il "Progetto Rebecca", per la prevenzione della depressione posto partum. Il progetto nasce dalla collaborazione di Strade Onlus con i ginecologi della Sigo, (Società italiana di ginecologia), i pediatri della Sip (Società italiana di pediatria) e i medici di famiglia della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) e dal fatto che ogni anno circa 70.000 donne, pari al 13.5% della popolazione partorienti italiane. Il quadro clinico si presenta con una forte componente ansiosa, che può iniziare anche alcuni mesi dopo il parto e può rappresentare il momento iniziale di una patologia depressiva a rischio di cronicizzazione. «La valutazione della depressione» spiega Antonio Picano, psichiatra e presidente di Strade Onlus «diventa una procedura standardizzata di autovalutazione, in cui la donna è protagonista. L'intervento dello psichiatra è limitato ai casi realmente necessari, e l'alleanza tra mamme e medici rende l'effettuazione dello screening un processo gradevole, non stigmatizzante, efficace e ripetibile».


Potrebbe interessarti
Amenorrea
Salute femminile
25 giugno 2018
Patologie
Amenorrea
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
L'esperto risponde