Antibiotici, uso eccessivo riduce l’efficacia

02 febbraio 2011
Focus

Antibiotici, uso eccessivo riduce l'efficacia





Non conosce sosta il consumo di antibiotici in Italia, in Europa preceduta solo da Francia e Cipro. E la conseguenza di questa tendenza è il diffondersi continuo e preoccupante dell'antibioticoresistenza. Lo dicono i dati dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e dell'Istituto superiore di sanità (Iss), enti che assieme al ministero della Salute hanno avviato una campagna per il consumo responsabile di questi medicinali.

Dai dati emerge che nel 2009 il consumo nella popolazione italiana è cresciuto del 2% rispetto al 2008, anno in cui già il 44% della popolazione aveva ricevuto almeno una prescrizione di antibiotico. Si può dunque stimare che ogni giorno in Italia circa un milione e mezzo di persone (2,5% della popolazione) assuma, al di fuori dell'ambito ospedaliero, un antibiotico. In ospedale, dai dati della popolazione generale dei ricoverati, emerge che nel 2007 sono state consumate in Italia oltre 32 milioni di dosi di antibiotici, e che circa 3-4 milioni di pazienti hanno ricevuto una terapia antibiotica ospedaliera. Complessivamente il rapporto Aifa-Iss ha rilevato nelle regioni italiane un trend di crescita dei consumi, saliti del 13% tra il 1999 e 2007, mentre nello stesso periodo in Francia c'è stata una riduzione del 16%.

Il consumo sempre più diffuso e improprio degli antibiotici, inoltre, sta rendendo la popolazione resistente a questa classe di farmaci. A causa dell'azione di sensibilizzazione, infatti, alcuni germi patogeni importanti hanno sviluppato livelli di antibioticoresistenza che arrivano fino al 90%, mentre alcuni ceppi sono divenuti resistenti a tutti i 100 antibiotici disponibili, tanto che in un futuro prossimo si comincia a temere di non poter disporre più di alcun farmaco per combattere le infezioni. E il monito delle Autorità sanitarie vuole anche sensibilizzare medici e cittadini a un uso responsabile di queste preziose risorse. Infatti, la causa più frequente di prescrizione dei farmaci antibiotici è rappresentata da patologie in cui possono essere implicati virus e non batteri. Le infezioni delle vie respiratorie, per esempio, spiegano il 60% delle prescrizioni, seguite da quelle del sistema urinario (9%), dell'orecchio (6%) e del cavo orale (6%). In particolare, tra le infezioni delle vie respiratorie, la bronchite è la causa più frequente di prescrizione, seguita da faringite, tonsillite e influenza. L'invito dell'Aifa è, quindi, di ridurre l'assunzione degli antibiotici ai casi di effettiva necessità, senza ricorrere all'automedicazione e attenendosi soltanto alle prescrizioni del medico.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
Malattie infettive
01 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
L'esperto risponde