Trombosi, si previene con più controlli

03 febbraio 2011
News

Trombosi, si previene con più controlli





Ictus, infarto, embolia e trombosi insieme, sono la prima causa di morte in Italia responsabili del 44% dei decessi, 200 mila morti ogni anno e 200 mila sopravvissuti con gravi conseguenze invalidanti e le donne sono più vulnerabili. Questo il quadro tracciato da Lidia Rota Vender, presidente di Alt (Associazione per la lotta alla trombosi) alla conferenza stampa tenutasi ieri a Milano alla presenze dei massimi esperti del settore. Con la prevenzione primaria un caso su 3 può essere evitato e su questo serve l'impegno di tutti. «I fattori di rischio sono noti» ha detto Valentin Fuster, presidente del Comitato scientifico di Alt e direttore del Mount Sinai heart medical center di New York, in un intervento video «e bisogna adottare ogni strategia possibile per correggerli. Educare i bambini, aiutare gli adulti con gruppi di auto-aiuto e, quando non basta, obbligarli ai controlli con leggi ad hoc». Pressione arteriosa, peso, glicemia, colesterolemia, sedentarietà e fumo: sono questi i parametri da controllare, sempre perché «rappresentano» ha detto Giampaolo Landi di Chiavenna l'assessore alla Salute del comune di Milano «fattori di responsabilità individuale e sociale che non possono essere trascurati, se vogliamo garantirci di invecchiare in buona salute».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne