Antidolorifici, con farmaci simili più facile l’errore

03 febbraio 2011
News

Antidolorifici, con farmaci simili più facile l'errore





Gran parte degli errori di prescrizione di farmaci antidolorifici è dovuta alla somiglianza tra i loro nomi, parole spesso simili per assonanza o per lunghezza e composizione di lettere. Secondo uno studio, che ha raccolto i dati e li ha pubblicati su The journal of pain, ciò accade circa tre volte ogni mille prescrizioni ospedaliere e più spesso quando vengono prescritti ai bambini. L'analisi, condotta su 714.290 ordini per antidolorifici, ha rilevato che il tasso di errori potenzialmente gravi era dello 0,63 per mille, mentre la prescrizione pediatrica oltre a generare un tasso più elevato di errore (0,59%) poteva avere conseguenze più gravi dal momento che i casi potenzialmente gravi interessavano il 14% delle prescrizioni. I farmaci meno frequentemente prescritti erano quelli più a rischio di errore. Secondo gli autori, le possibili soluzioni da introdurre negli ospedali sono sistemi computerizzati di prescrizione e ordine dei farmaci, limitazione del numero di farmaci simili e un controllo su ogni ordine da parte di infermieri e farmacisti ospedalieri.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Epistassi, come comportarsi
Infanzia
03 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Epistassi, come comportarsi
L'esperto risponde