Alternative in gravidanza, diffuse ma poco note

23 marzo 2011
News

Alternative in gravidanza, diffuse ma poco note





Si parla sempre più spesso di approccio integrato alla maternità, come alternativa a una medicalizzazione eccessiva dell'attesa e del parto, ma se, e come, questo atteggiamento alternativo venga declinato nella realtà pratica è ancora da definire. Una panoramica piuttosto critica deriva da un articolo, pubblicato sul numero di marzo del Journal of Advanced Nursing, che riporta i risultati di una revisione di 19 studi, condotti tra il 1999 e il 2009. I trial selezionati riportavano complessivamente le dichiarazioni di oltre tremila operatori del settore ostetricia e ginecologia. Nello specifico i dati raccolti sono stati analizzati sulla base di tre criteri: prevalenza di pratica, raccomandazione e insegnamento delle medicine complementari; predisposizione e opinioni nei confronti delle medicine alternative; professionalità e identità professionale. Gli autori della revisione hanno registrato una pratica diffusa accompagnata da scarsità di informazioni sulle terapie non convenzionali da parte del personale ostetrico e di assistenza nei punti nascita. Dato che il ricorso alle medicine alternative è comunque in crescita, serve una maggior collaborazione tra i vari professionisti, per diffonderne un uso corretto, e una maggior comunicazione con le donne per conoscere quali siano nella realtà le aspettative circa le medicine alternative.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
L'esperto risponde