Bimbi isolati tra le mura dell’autismo

04 maggio 2011
Interviste

Bimbi isolati tra le mura dell'autismo



autismo bambino isolamento sociale


L'autismo è un disturbo che colpisce attualmente un bambino su mille, che fisicamente non ha nulla di diverso rispetto ai suoi coetanei ma il suo comportamento lo porta a isolarsi in un mondo solitario e poco comunicativo. Per comprendere meglio questa patologia e come affrontarla, Dica33 ha incontrato Maria Pia Onofri, neuropsichiatria infantile e pediatra consulente presso il Centro di riabilitazione equestre Vittorio di capua dell'Ospedale Niguarda di Milano.

Che cosa si intende quando si parla di autismo?
Si tratta di una grave forma di disturbo pervasivo dello sviluppo. Il bambino anziché aprirsi al mondo chiude i canali comunicativi con esso anche a livello verbale. Oggi si preferisce parlare di autismi per distinguere il disturbo vero e proprio dai tratti o comportamenti autistici che possono presentarsi in varie fasi della vita dei bambini. Varie lesioni cerebrali sono state trovate in bambini malati, ma a oggi non si è trovata una specifica lesione cerebrale che possa da sola giustificare la malattia. Oggi si sa che il sistema nervoso pur con le sue varie parti funzionalmente specializzate funziona come un tutt'uno e che quindi le più svariate lesioni possono influire anche sull'emotività e sul comportamento. A questo dobbiamo aggiungere i anche fattori genetici e ambientali

Quali sono i segni che debbono far pensare a una forma di autismo?
In età molto precoce, già attorno ai due anni si può fare diagnosi. Alcuni bambini non sviluppano il linguaggio mentre alcuni lo acquisiscono, ma poi lo perdono, inoltre c'è una tendenza al ritiro, all'isolamento a una non integrazione sociale. all'assenza di interessi. .al gioco caratterizzato dall'uso di oggetti freddi,metallici,. senza significato simbolico usati in modo stereotipato e ripetitivo

Quali sono gli strumenti per fare la diagnosi?
La diagnosi essenzialmente una diagnosi clinica. Attraverso l'osservazione del bambino e i racconti dei familiari, viene valutata la capacità di comunicare, la presenza di interessi e curiosità, la possibilità di interagire con gli altri e il comportamento. Si possono utilizzare delle scale di valutazione appositamente studiate, che però da sole non permettono di fare diagnosi..

Ci sono cure per l'autismo?
Dall'autismo vero e proprio non si guarisce, è una grave malattia psichiatrica grave chepermane in età adulta. Diverso il discorso per i tratti o comportamenti autistici legati a fasi di sviluppo o momentanee difficoltà su cui è più facile intervenire con la terapia per mitigare la chiusura verso il mondo e modificare il comportamento.favorendo la ripresa dello sviluppo.

Quali sono le terapie attualmente disponibili?
La terapia deve essere preceduta dalla diagnosi effettuata in genere dalle strutture di neuropsichiatria infantile diffuse sul territorio o presso i centri ospedalieri specializzati. Lo specialista effettuerà una presa in carico globale che comprenderà anche interventi sulla famiglia per una migliore gestione e comprensione della patologa del figlio e sulle strutture educative per facilitare l'integrazione. Le terapie sul bambino si avvalgono di vari strumenti: la psicoterapia a vario indirizzo, la psicomotricità ad impronta relazionale, la terapia farmacologica.In affiancamento alle terapie tradizionali, si può proporre l'ippoterapia cioè un trattamento psicoterapico in cui l'animale è parte integrante della terapia. Il cavallo agisce da mediatore della relazione e costituisce uno spazio transizionale che non è più il mondo chiuso in cui si è rifugiato il bambino, ma non è ancora il mondo esterno pauroso e pieno di incognite. È uno spazio in cui proiettare le proprie paure, fare esperienze. riprovare sensazioni piacevoli come quelle nel pancione della mamma in cui veniva trasportato e contenuto.sperimentare enozioni Per tale motivo il bambino monta senza sella solo con una coperta e un fascione. Naturalmente non è il cavallo che fa la terapia la seduta viene gestita da un terapeuta specializzata in riabilitazione equestre, che attuerà un preciso progetto elaborato dall'equipe medica di cui si andranno a valutare i risultati con criteri scientifici.

Simona Zazzetta


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo della data presunta parto
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
L'esperto risponde