L’AIDS ha cambiato volto

22 giugno 2009
Focus

L'AIDS ha cambiato volto



Se, come emerso da una recente indagine condotta dall'IRRCS Burlo Garofolo, i giovani in età scolare pensano che l'infezione da HIV interessi solo chi fa uso di stupefacenti o che la pillola possa proteggere dal contagio, allora di una Conferenza come ICAR 2009 - Italian Conference on AIDS and Retroviruses, in programma a Milano dal 24 al 26 maggio c'è davvero bisogno. Al di là della diffusa ignoranza sulla malattia, infatti, è altrettanto diffusa la sensazione che si tratti di un problema risolto, anche in virtù del fatto che con il virus si può convivere e che i progressi della terapia hanno migliorato la qualità di vita dei sieropositivi. Ma è proprio il nuovo volto della malattia a richiedere un nuovo approccio, nel quale la ricerca di base assume un ruolo centrale. La conferenza stampa di presentazione, con Antonella D'Arminio Manforte, Massimo Galli e Adriano Lazzarin in rappresentanza rispettivamente dell'Azienda Ospedaliera San Paolo, dell'Azienda Ospedaliera Luigi Sacco e dell'Istituto San Raffaele, è stata l'occasione per ricordarlo. Così come l'aspetto della prevenzione e della cura dell'infezione è stato rimarcato dalle associazioni, rappresentate da Alessandra Cerioli presidente di LILA, che nell'organizzazione della conferenza hanno un ruolo attivo. L'obiettivo condiviso è andare oltre la normalizzazione del paziente sieropositivo, rilanciando la ricerca in tutti i campi per affinare gli strumenti disponibili nella lotta all'HIV.

I numeri mettono in evidenza l'entità del fenomeno. Nelle stime dell'UNAIDS i sieropositivi italiani nel 2008 sono 110-130mila e quest'anno aumenteranno a 120-140 mila: quel che è peggio è che c'è un consistente sommerso, almeno 40mila italiani positivi per il virus che non sanno di esserlo, quindi non si curano e alimentano il contagio; d'altra parte negli Stati Uniti i casi nascosti sarebbero 500mila e responsabili del 50-75% di tutte le nuove infezioni. "L'epidemia da HIV ha ancora molte zone d'ombra sia a livello terapeutico, sia per quanto riguarda l'aspetto della prevenzione e del controllo della diffusione del virus - sottolinea Massimo Galli. E proprio su quest'ultimo aspetto è cruciale porre l'attenzione. "ICAR 2009 - continua Galli - sarà l'occasione per porre l'accento sull'importanza dell'attività preventiva. La malattia non è ancora sotto controllo: sono, infatti, previsti 3-4 mila nuovi casi l'anno. Attraverso la ricerca avremo anche la possibilità di delineare strategie più idonee per limitare il fenomeno. "E' necessario - ha sottolineato anche Adriano Lazzarin, - che dall'osservazione clinica emergano domande ai problemi non ancora risolti dalle terapie, che rilancino la ricerca in tutti i campi verso una vera normalizzazione del paziente sieropositivo anche sul piano dei parametri biologici. E sull'aspetto della prevenzione rincarano la dose le associazioni. Il trend di diagnosi in aumento viene, infatti, imputato a un mancato investimento di spesa sanitaria in strategie di prevenzione che si sono rivelate efficaci a contrastare la diffusione del virus: dagli interventi volti a modificare i comportamenti a rischio, promozione e distribuzione di profilattici maschili e femminili, interventi di riduzione del danno rivolte alle persone che utilizzano droghe. Il quadro, d'altro canto, è quello denunciato dallo studio del Burlo Garofolo: giovani, sessualmente attivi ma terribilmente disinformati sulle malattie che si possono contrarre durante l'atto sessuale, sull'importanza dell'individuazione precoce dopo l'eventuale contagio e sui metodi di prevenzione.

Marco Malagutti

Conferenza stampa di presentazione di ICAR, Milano 21 maggio 2009
Comunicato stampa Burlo Garofolo, 18 maggio 2009


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO
Patologie


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Malattie infettive
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera
L'esperto risponde