Estate in sicurezza per i bambini

01 luglio 2011
Focus

Estate in sicurezza per i bambini



estate vacanza bambini all'aria aperta sicurezza


Nei mesi di giugno, luglio e agosto i bambini fino a 12 anni, secondo un recente studio, trascorrono circa 4,5 ore al giorno all'aria aperta anche solo nel giardino di casa. Sempre secondo lo stesso studio però meno del 45% dei genitori mette in pratica le giuste misure di sicurezza. È a partire da queste considerazioni che la Fimp, Federazione italiana medici pediatri, ha diffuso raccomandazioni sulle misure di cautela per il tempo trascorso all'aria aperta. Sette regole d'oro che possono essere d'aiuto in tempo di vacanza.

La prima riguarda l'esposizione al sole. I bambini vanno protetti con l'uso costante e ripetuto di creme a fattore di protezione superiore a 15 Spf. La crema va applicata almeno ogni due ore, soprattutto se il bambino suda molto. In più bisogna evitare l'esposizione nelle ore di maggiore irraggiamento (tra le 11 e le 16). Del resto l'80% dell'esposizione solare avviene nei primi 20 anni di vita, una ragione in più per ridurla il più possibile. I pediatri poi raccomandano che il bambino assuma una adeguata quantità di acqua, soprattutto prima di giocare all'aperto. Se poi l'attività fisica si prolunga oltre un'ora, è opportuno somministrare bevande contenenti zuccheri e sali minerali, in particolare se il clima è molto umido. Un altro problema tipico dell'estate, e non solo per i bambini, riguarda le punture di insetti, zanzare in particolare. Meglio fare attenzione, perciò, ai ristagni di acqua vicino ai luoghi dove giocano i bambini, che vanno comunque protetti con dei repellenti per insetti adatti alla loro età. Esistono repellenti utilizzabili già dai primi mesi di vita, il cui uso dipende da quanto si prevede di rimanere all'aperto. Ma l'estate è anche il momento delle piscine, del mare e dei giochi d'acqua. Oltre alle usuali norme di sicurezza che impongono di sorvegliare sempre i bambini che si trovano in prossimità dell'acqua, la Fimp ricorda che l'ambiente umido favorisce la diffusione di germi. I bambini molto piccoli, proprio per il fatto di portare il pannolino, possono facilmente trasmettersi l'un l'altro dei germi, che passano attraverso la condivisione dell'acqua delle piscine. In più la clorazione dell'acqua, anche bene eseguita, non sempre è sufficiente a impedire il passaggio di germi patogeni. Meglio quindi evitare ai bambini piccolissimi l'uso di piscine comuni, e disinfettare bene le piccole piscine di uso domestico, che vanno sempre svuotate dopo l'uso, anche per motivi di sicurezza.

Da non sottovalutare il rischio di otiti esterne, in particolare nei bambini più grandi, legato al ristagno d'acqua nell'orecchio, un ambiente ideale per la crescita di germi. Attenzione perciò che i piccoli si asciughino le orecchie, evitando l'uso di bastoncini cotonati, e, se si frequentano spesso piscine o giochi acquatici, applicare qualche goccia di vaselina all'imbocco del condotto prima del bagno, o pulire il condotto dopo il bagno con una soluzione lievemente acida (anche acqua e aceto possono andare bene). Infine è importante ricordarsi di lavarsi bene le mani prima di manipolare gli alimenti. Carne, pesce e uova devono essere preparate su piani separati dalle verdure e, cotti ad alte temperature subito prima di essere serviti. Le superfici della cucina devono essere accuratamente disinfettate con soluzioni clorate e bisogna evitare di dare ai bambini alimenti più a rischio quali carni poco cotte o alimenti preparati in anticipo e conservati in frigorifero insieme ad alimenti crudi. Un'ultima nota la Fimp la riserva alla grande disponibilità di tempo per i bambini che a detta dei pediatri non devono annoiarsi e devono avere un calendario di impegni e attività. Cercate di impiegare il loro tempo facendovi aiutare durante la giornata in piccoli compiti» dicono le regole Fimp, «e tenete a disposizione materiali che possono usare in attività creative (cartone, colori, forbici) oltre a tanti libri da leggere nelle giornate in cui non è possibile uscire».

Marco Malagutti


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Epistassi, come comportarsi
Infanzia
03 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Epistassi, come comportarsi
L'esperto risponde