Un tatuaggio non è per sempre: il laser lo cancella

15 luglio 2011
Interviste

Un tatuaggio non è per sempre: il laser lo cancella



tatuaggio laser cancellare cicatrici colori


Segni considerati indelebili e scelti in un momento particolare della vita, i tatuaggi spesso si trasformano in un problema da risolvere, o meglio, da cancellare. Un tempo questo richiedeva l'intervento del bisturi, oggi il laser rappresenta una soluzione migliore che lascia meno tracce, come spiega, a Dica33, Ezio Maria Nicodemi, chirurgo plastico dell'Istituto dermopatico dell'Immacolata, di Roma.

Dottor Nicodemi, come si cancella un tatuaggio?
Fino a qualche tempo fa si doveva procedere a una rimozione chirurgica che lasciava segni e cicatrici sulla pelle, oggi invece lo standard per questi casi è considerato il trattamento con il laser. La tecnica ha raggiunto livelli ottimali, non presenta rischi e permette di eliminare tutte le tracce del disegno e dei colori, senza lasciare segni sulla pelle che torna normale. Questo cambia anche il significato stesso del tatuaggio, poiché se dopo qualche tempo si cambia idea lo si può eliminare, e permette di decidere con meno angoscia se farlo o meno.

In che cosa consiste il trattamento?
Sfrutta il laser, che è una luce con un'energia altamente ordinata che va a colpire un bersaglio bene preciso, il cromoforo, la parte colorata della materia, nella fattispecie i pigmenti depositati, dallo strumento del tatuatore, sulle fibre del collagene, nel derma. Il laser ha un'azione molto selettiva, cioè non coinvolge altri bersagli, rompe letteralmente i colori del tatuaggio, che vengono dispersi e riassorbiti nei tessuti. Questo consente la totale scomparsa del disegno. Non è detto che si risolva tutto in una seduta. Possono servirne di più se il tatuaggio è molto esteso o molto ricco di colori particolari, come quelli derivati da polveri di oro o di argento.

In che cosa consiste il trattamento?
Sfrutta il laser, che è una luce con un'energia altamente ordinata che va a colpire un bersaglio ben preciso, il cromoforo, la parte colorata della materia, nella fattispecie i pigmenti depositati, dallo strumento del tatuatore, sulle fibre del collagene, nel derma. Il laser ha un'azione molto selettiva, cioè non coinvolge altri bersagli, rompe letteralmente i colori del tatuaggio, che vengono dispersi e riassorbiti nei tessuti. Questo consente la totale scomparsa del disegno. Non è detto che si risolva tutto in una seduta. Possono servirne di più se il tatuaggio è molto esteso o molto ricco di colori particolari, come quelli derivati da polveri di oro o di argento.

È doloroso?
Dipende dalla soglia del dolore, che è individuale. Di certo è meno doloroso degli aghi con cui si esegue un tatuaggio, e comunque si possono applicare creme che contengono un anestetico topico, sulla zona da trattare.

Che costi prevede?
Non è un trattamento rimborsato dal Servizio sanitario nazionale, poiché è di natura estetica. Il costo è totalmente a carico del cittadino e varia dai 300 ai 500 euro a seduta e dipende anche da macchinario usato, anche se sono più affidabili quelli prodotti negli Stati Uniti dove devono avere l'approvazione dall'ente regolatorio, la Food and drug administration, mentre quelli europei hanno solo un riconoscimento Ce, della Comunità europea.

Ci sono precauzioni da osservare prima e dopo la seduta?
In genere questo, come tutti gli interventi di chirurgia, si fa tra settembre e maggio poiché la pelle trattata non deve essere esposta al sole, che può lasciare segni laddove è in corso un'irritazione. È sconsigliato alle donne in gravidanza, quindi se una donna vuole cancellare un tatuaggio è bene che ci pensi prima di restare incinta.

Quali sono i motivi che in genere portano a decidere di cancellare un tatuaggio?
In genere, quando ci sono dei cambiamenti importanti. Le donne, per esempio, che hanno il tatuaggio sulla pancia o sull'addome, in vista di un figlio, in genere chiedono di cancellare il tatuaggio che andrebbe incontro a un'alterazione. In gravidanza, a differenza dell'aumento di peso che interessa tessuti adiposi più profondi del derma, si verifica una dilatazione cutanea, soprattutto negli ultimi mesi, provocando le classiche smagliature che alterano il disegno del tatuaggio. Tuttavia, anche chi deve accedere a concorsi per entrare nelle forze dell'ordine non deve avere segni di riconoscimento sulla pelle. Ma tra le fila dei pentiti ci sono anche coloro che si erano fatti tatuare il nome del partner di una storia conclusa, oppure persone che vogliono modificare un tatuaggio già esistente.

Simona Zazzetta


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Gambe e piedi in salute in cinque mosse
Pelle
12 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gambe e piedi in salute in cinque mosse
Al sole in sicurezza con un’App
Pelle
07 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Al sole in sicurezza con un’App
Dermatite atopica: parliamone per gestirla al meglio
Pelle
05 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Dermatite atopica: parliamone per gestirla al meglio
L'esperto risponde