Nutraceutico, l'alleato che abbassa il colesterolo

07 ottobre 2011
Focus

Nutraceutico, l'alleato che abbassa il colesterolo



colesterolo nutraceutico nutrizione integratori


Se fino a qualche tempo fa, per abbassare il colesterolo bisognava togliere alcuni alimenti dalla dieta, con le nuove ricerche sul fronte degli alimenti funzionali, o nutraceutici, che uniscono la nutrizione a un effetto farmacolgico, è diventato utile aggiungerli alcuni alimenti. Lo hanno ribadito gli esperti riuniti per una tavola rotonda "Integratori e farmaci di origine vegetale" del Mario Negri Institute alumni association, a Milano, spiegando che in generale un alimento si può considerare nutraceutico se il suo consumo ha effetti positivi o agisce su una o più funzionali fisiologiche e, quindi, oltre a nutrire, comporta un rilevante miglioramento dello stato di salute o di benessere riducendo il rischio di una patologia.

Molti alimenti tradizionali hanno queste caratteristiche e la loro azione è stata dimostrata scientificamente nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, in particolare nel controllo dell'ipercolesterolemia, riconosciuto fattore di rischio. Una delle prime evidenze e che poi ha riscontrato il maggior successo, è la riduzione del livello di colesterolo con le proteine della soia. Il risultato risale a circa 30 anni fa su pazienti con ipercolesterolemia (300-350 mg/dl) che con una dieta totalmente a base di proteine della soia riducevano di oltre il 20% il valore. Nel 1999 la Food and drug administration (Fda) americana ha riconosciuto che con un dosaggio minimo giornaliero di 25 grammi è possibile ridurre il rischio cardiovascolare. Alla soia si è di recente aggiunto il lupino: uno studio clinico ha dimostrato che ha effetti di abbassamento della pressione e riduce del 6% un'ipercolesterolemia moderata. Le proteine estratte da questa pianta vengono usate nella preparazione di altri alimenti come gelati, creme, salse e alimenti per vegetariani. L'azione di queste proteine si esplica a livello cellulare facendo aumentare la ricaptazione del colesterolo da circolo sanguigno e ridurre la sua sintesi.

Con meccanismi diversi, anche i fitosteroli ottengono risultati simili nell'ipercolesterolemia: agendo a livello dell'intestino abbassano i livelli del 10% circa, e fino al 12-15% se si parla solo del colesterolo Ldl, il cosiddetto cattivo. Sono molecole presenti negli oli vegetali, nella frutta secca, in alcuni semi e legumi e spesso vengono aggiunti a prodotti alimentari come lo yogurt. Se ne conoscono circa 40 tipi ma i più abbondanti nell'alimentazione sono il beta-sitostirolo, il campesterolo e lo stigmasterolo. Tra le novità, anche i beta-glucani, particolari fibre solubili, presenti in alimenti come la crusca, l'avena, l'orzo, psyllium e i loro derivati. Sono fibre che in presenza di acqua formano un massa viscosa che a livello intestinale sequestra glucosio e colesterolo, rallentando così il loro assorbimento. Ma, più in generale, rallentano lo svuotamento gastrico, aumentano la peristalsi intestinale, riducendo così dal 5 al 15% i livelli di colesterolo e del colesterolo Ldl. Inoltre, alcuni test evidenziano anche un aumento dell'Hdl, il colesterolo "buono" e un calo dei trigliceridi. Secondo l'Fda tali effetti, e quindi i benefici cardiovascolari, si ottengono con almeno 3 grammi al giorno.

Conoscenze di vecchia data, invece, sono gli acidi grassi omega 3, quelli contenuti nel pesce grasso, cioè salmone, acciughe, aringhe, sgombri sardine, tonno e crostacei. I principali omega 3 contenuti nel pesce sono l'acido eicosapentaenoico (Epa) e l'acido docosaesaenoico (Dha). Sugli effetti benefici di sostanze si sa molto e le evidenze sono supportate da molti studi, il più recente e importante è di certo lo studio Gissi che ha dimostrato che mediante l'assunzione di queste sostanze migliora la prognosi dei pazienti con scompenso cardiaco, inoltre in molti studi epidemiologici è emersa la possibilità di prevenire la morte improvvisa nei pazienti infartuati.

Simona Zazzetta


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde