Contraccezione orale, due studi valutano i rischi

27 ottobre 2011
News

Contraccezione orale, due studi valutano i rischi



contraccezione orale pillola contraccettiva tumore ovarico tromboembolismo venoso


Se da una parte l'uso della contraccezione orale protegge l'ovaio da neoplasie dall'altra fa aumentare il rischio di tromboembolismo venoso (Tev), anche se in questo caso dipende dalla composizione della pillola. Le evidenze sull'effetto protettivo risultano da uno studio pubblicato dal British journal of cancer, secondo cui sarebbe, dopo la gravidanza il primo fattore di protezione. I ricercatori hanno usato parte dei dati dello studio European prospective investigation of cancer (Epic) e hanno rilevato che per una donna che ha preso la pillola per un anno o meno, il rischio di tumore ovarico è di 28 ogni 100 mila soggetti, che scende a 15 su 100 mila in chi l'ha presa per 10 anni. Il rischio per le donne che non hanno ancora avuto una gravidanza è stato calcolato in 34 casi per 100 mila soggetti per anno, che scende a 24 dopo il primo figlio e diminuisce di 8 unità per ogni figlio ulteriore. Fa da controparte a questo effetto, l'aumento di rischio di Tev associato all'uso di pillole contenenti desogestrel, gestodene o drospirenone. Con questi farmaci il rischio raddoppia rispetto all'uso del solo levonorgestrel, stando a quanto riportato da uno studio danese pubblicato online dal British medical journal. In questo caso i ricercatori hanno incluso nell'analisi 1.296.120 donne ed è emerso che l'assunzione dei tre principi attivi faceva salire da 6 a 7 volte di più il rischio di Tev.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite