Endometriosi da inquinamento chimico: ipotesi da Torino

02 marzo 2012
News

Endometriosi da inquinamento chimico: ipotesi da Torino



endometriosi, inquinanti chimici, salute della donna, inquinamento, ambiente


L'esposizione a fattori ambientali (in particolare a inquinanti chimici) potrebbe associarsi allo sviluppo di endometriosi, secondo un gruppo di ricercatori dell'università di Torino, guidati da Giuseppe Migliaretti, che hanno valutato l'incidenza della patologia nel Nord-Ovest d'Italia e che, tramite un'analisi della sua distribuzione spaziale, hanno studiato le potenziali motivazioni della variazione geografica. I ricercatori hanno selezionato dai registri ufficiali di dimissione ospedaliera 3.929 donne di età compresa tra i 18 e i 45 anni, nate e residenti in Piemonte, sottoposte a intervento medico o chirurgico per endometriosi tra il 2000 e il 2005. Il tasso di incidenza della patologia per classi di età è stato di 81,8 ogni 100.000 anni-persona. La distribuzione dei rischi ha evidenziato, in alcune aree nel Piemonte centrale e meridionale, un tasso aumentato del 30%. In queste zone in effetti sono stati riscontrati grandi rischi ambientali correlati alla presenza di inquinanti chimici. In altri settori, invece, il rischio di malattia appariva inferiore (Piemonte sud-occidentale). I dati osservati, secondo gli stessi autori, devono però essere interpretati in modo cauto nella possibilità che possano essere inficiati da criticità.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo della data presunta parto
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Salute femminile
19 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
L'esperto risponde