Bibite zuccherate, divieto a scuola condiziona poco i consumi

26 marzo 2012
News

Bibite zuccherate, divieto a scuola condiziona poco i consumi



bevanze zuccherate


La scelta di bandire dalle scuole le bevande zuccherate, fatta da alcuni legislatori statunitensi ha ottenuto risultati parziali, poiché a una riduzione dell'accesso e dell'acquisto di prodotti nelle ore di lezione, non è corrisposta una riduzione del consumo generale. Lo ha riscontrato un'indagine dell'Istituto per la ricerca sulla salute e la politica, dell'Università dell'Illinois, condotta nelle scuole pubbliche in 40 stati confrontando politiche di divieto totale di tutte le bibite dolcificate con quelle che bandiscono solo le bibite frizzanti o che non prevedevano restrizioni in tal senso. Si è visto tra il vietare solo bibite frizzanti e non porre alcuni divieto, non c'erano sostanziali differenze nei comportamenti degli studenti. Le politiche di divieto totale invece sortivano un certo effetto riducendo del 14,9% l'accesso alle bevande zuccherate ma solo del 7,3% l'acquisto, e in generale il consumo nell'arco della giornata veniva modestamente condizionato dalle politiche adottate nella scuola: l'85% circa degli studenti di averle consumate nei sette giorni precedenti, almeno una volta.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde