Sport d’estate, il cuore chiede più protezione

04 luglio 2012
Focus

Sport d'estate, il cuore chiede più protezione



attività sportive, cuore, caldo, idratazione


Con l'arrivo dell'estate aumentano le possibilità di stare all'aperto, per nuotare in piscina, al lago o al mare e per continuare a fare le attività sportive, svolte al chiuso durante l'inverno, sfruttando i parchi cittadini, la natura o la spiaggia. Considerando le temperature più elevate e il tasso di umidità e di irraggiamento solare, è bene adottare alcune precauzioni per evitare problemi cardiaci, soprattutto in persone che già ne soffrono.

Il suggerimento arriva dall'American heart association (Aha) che avvisa: «La calura estiva e l'esercizio fisico aumentano lo stress sul cuore, poiché fanno salire la temperatura corporea e l'elevata umidità dell'aria ostacola l'evaporazione del sudore dalla pelle». Venendo meno questo meccanismo normalmente deputato ad abbassare la temperatura, il corpo risponde, spiega ancora l'Aha, convogliando più sangue verso la pelle, affinché si "raffreddi" sottraendolo quindi ai muscoli, e costringendo il cuore a lavorare di più. I segnali di allarme che devono porre il sospetto di disturbi rilevanti al cuore sono crampi muscolari, nausea, vomito, debolezza, mal di testa, vertigini, confusione, temperatura elevate, pelle fredda e umida. «Se si avvertono questi sintomi mentre si sta facendo attività bisogna fermarsi e trovare un luogo in cui faccia meno caldo, bere molto, togliersi di dosso abiti in eccesso, bagnarsi con acqua fresca. Ma se i sintomi non scompaiono entro 30 minuti è consigliabile consultare un medico immediatamente».

Per non arrivare a questi estremi, basta adottare piccoli accorgimenti e comportamenti corretti che aiutano a prevenire situazioni di rischio per il cuore. Per cominciare, assicurarsi che l'organismo sia ben idratato bevendo un paio di bicchieri abbondanti di acqua 30 minuti prima di iniziare qualsiasi attività fisica e berne uno ogni mezz'ora durante. Volendo, i nutrizionisti suggeriscono anche di consumare qualche fetta di frutta fresca e succosa: melone, arancia, anguria. Gli integratori sportivi sono adatti quando si fanno attività per oltre un'ora. Cercare di sfruttare le ore del mattino o della sera, quando le temperature sono più fresche. Scegliere un abbigliamento a colori chiari, che attira meno i raggi del sole, aderenti al corpo per rimanere più freschi e indossare un cappello con visiera. L'ideale, spiegano i cardiologi, è monitorare il battito cardiaco con un cardiofrequenzimetro durante l'esercizio per stare dentro un intervallo di sicurezza indicato dal medico e soprattutto: «Se esiste già un problema cardiaco è meglio parlarne con il medico prima di iniziare a fare sport con il caldo».

Simona Zazzetta


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso
Cuore circolazione e malattie del sangue
16 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso