Sicurezza dei giocattoli, norme e precauzioni da rispettare

30 novembre 2012
Interviste

Sicurezza dei giocattoli, norme e precauzioni da rispettare



giocattoli, bambini, sicurezza, soffocamento


I giocattoli devono poter essere utilizzati dai bambini senza arrecare pericolo alla loro salute, per tutta la loro durata di impiego prevedibile e normale. Per questo motivo esistono regole, stabilite dal ministero della Salute, che garantiscono sicurezza a chi li usa. Purtroppo sempre più spesso accade che vengano immessi sul mercato articoli non idonei o, al contrario, i consumatori si rivolgono a canali di vendita non adatti a commercializzarli per il target previsto (<14 anni). Come comportarsi all'acquisto di un gioco da destinare a un bimbo, quali attenzioni avere e cosa controllare prima di consegnarlo e di utlizzarlo, lo spiega Sabrina Buonuomo, pediatra della Società italiana di pediatria (Sip).

Quali sono i parametri che permettono di definire sicuro un giocattolo?
La dichiarazione della comunità europea di conformità è il documento che attesta che è stata dimostrata la conformità del giocattolo alle prescrizioni di sicurezza applicabili seguendo una delle procedure di valutazione della conformità previste dalla direttiva. Esistono normative dedicate a questo delicato argomento, peraltro recentemente modificate (Decreto legislativo 54/2011) sulla base di specifiche direttive della Comunità europea. Prima di immettere un giocattolo sul mercato, i fabbricanti sono obbligati a effettuare un'analisi strutturata dei pericoli chimici, fisico-meccanici ed elettrici, di infiammabilità, di igiene e di radioattività che il giocattolo può presentare. In termini pratici, significa che, per esempio che, nel caso di giocattoli cavalcabili elettrici (simil-motociclette elettriche n.d.r.), esistono dei limiti di velocità e delle specifiche caratteristiche tecniche da rispettare variabili per l'età del bambino. Per esempio: velocità max 6 km/h, possibilità di raggiungere velocità superiori nei bambini sopra i 3 anni solo se presente un selettore manovrabile da parte del genitore; presenza di un sedile se destinati a bambini sotto i 6 anni. Inoltre, sono stati stabiliti dei valori massimi di rumore per i giocattoli destinati a produrre suoni. In quelli progettati per essere portati alla bocca, indipendentemente dall'età del bambino a cui sono destinati, non devono essere presenti piccole parti e nessuna componente staccabile del giocattolo deve essere una piccola parte, per il noto rischio di soffocamento, o una corda abbastanza lunga da poter indurre strangolamento. I requisiti relativi al soffocamento si applicano anche agli imballaggi. I giocattoli progettati per bambini al di sotto dei 36 mesi devono essere realizzati in modo tale da soddisfare i requisiti di igiene e di pulizia. In caso di giocattoli alimentati con corrente, la tensione interna può superare certi valori (24 volt), purché sia garantito che ciò non determini alcun rischio per i bambini, anche se il giocattolo si rompe. Sono stati stabiliti anche i limiti e gli utilizzi di sostanze chimiche all'interno dei giocattoli (esclusione di sostanze classificate come cancerogene, mutagene e tossiche per la riproduzione; Nitrosammine e sostanze nitrosabili).

Che cosa bisogna controllare quando si acquista un giocattolo?
Con la dichiarazione di conformità i fabbricanti si assumono la responsabilità della regolarità e appongono, secondo quanto previsto dalla direttiva, la relativa marcatura CE, in modo visibile, leggibile e indelebile sul giocattolo, su un'etichetta affissa o sull'imballaggio, così come il nome e l'indirizzo del fabbricante e dell'importatore. Il giocattolo deve essere catalogato con un Identificativo unico, per qualunque segnalazione, e devono essere riportate eventuali avvertenze specifiche. Tuttavia, il marchio CE non garantisce da tutti i rischi: prova ne sono le segnalazioni di giochi pericolosi quotidiane pur con marchio a posto, ben 324 nel 2011. Secondo l'ultimo rapporto Rapex, il sistema di sorveglianza europea dei prodotti pericolosi, nel corso del 2010 i giocattoli sono stati la seconda categoria di articoli più ritirati dopo i vestiti. Proprio per valutare la sicurezza dei giocattoli Altroconsumo ha realizzato di recente un'inchiesta coinvolgendo 10 aziende e portando venti prodotti in laboratorio: quattro prodotti non passano le prove del test.

Come difendersi dai marchi contraffatti?
I marchi si possono abilmente copiare, perciò, non farsi mancare mai il buon senso e controllare sempre la qualità del gioco che stiamo per proporre ad un bambino. Acquistare un gioco di buona qualità, con il suo costo, è sicuramente meglio che acquistarne più d'uno a prezzo ridotto ma a rischio maggiore.

Quali rischi si corrono con giocattoli non a norma?
Tra le cause più frequenti di incidenti con giocattoli sono riportate in primis l'inalazione di piccoli componenti con rischio immediato di soffocamento, specie dei più piccoli. Non vanno poi trascurate le lesioni prodotte da giocattoli ridotti in pezzi; le reazioni allergiche a componenti tossici venuti a contatto con il bambino. Rischi di schiacciamento, intrappolamento, cadute, impatto, annegamento sono segnalati per i giochi all'aperto di grandi dimensioni.

Dunque, come orientarsi per l'acquisto?
Innanzitutto, bisogna tener presente che negozi di vendita esclusiva di prodotti di provenienza orientale, mercatini, siti online degli stessi prodotti costituiscono un rischio concreto. In generale, bisogna diffidare dall'acquisto di prodotti a basso costo e sprovvisti di marchi e imballaggi: in tempo di crisi potrebbe tentare lasciarsi incantare da proposte che sembrano allettanti, ma se si traducono in un rischio per i bambini non è accettabile.


E una volta che il gioco è arrivato in casa, come tutelare i più piccoli?
I genitori possono cerchiamo il marchio CE, che attesta la fabbricazione a norma di legge; il marchio "Giocattoli sicuri", un bollino supplementare che certifica la qualità del gioco Il marchio Imq, che riguarda i video-games e tutti i prodotti elettrici Il marchio Sicurezza controllata, che attesta che il giocattolo rispetta le normative tecniche di produzione. Non cimentarsi mai nel montaggio o nell'avvio di un gioco prima di aver letto attentamente il libretto di istruzioni e di aver valutato l'integrità di tutti i pezzi del gioco. Su tutti i giochi certificati c'è indicata la fascia di età per cui sono più adatti, per le caratteristiche dei materiali e la dimensione dei componenti rimovibili, un giocattolo sicuro per una fascia di età, può non esserlo per età inferiori. In questo modo, forse regaleremo un po' più che un gioco a quel bambino.

Simona Zazzetta


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo della data presunta parto
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Malattie infettive
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
L'esperto risponde