Uso di antidepressivi: tenere d'occhio il cuore

01 febbraio 2013
News

Uso di antidepressivi: tenere d'occhio il cuore



prolungamento dell'intervallo Qt, elettrocardiogramma, aritmie


Alcuni antidepressivi appartenenti alla classe degli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (Ssri) possono dare luogo a un modesto prolungamento all'elettrocardiogramma dell'intervallo Qt, fattore di rischio per l'aritmia ventricolare, secondo quanto è emerso da uno studio americano teso a esplorare questo legame. In particolare l'analisi riguarda il citalopram e altri antidepressivi dal profilo farmacologico simile. Lo studio osservazionale trasversale, condotto da Victor Castro e pubblicato su British medical journal, ha utilizzato i dati registrati nelle cartelle cliniche elettroniche, le prescrizioni mediche e i risultati dell'elettrocardiogramma, per analizzare la relazione tra uso di antidepressivi, la loro dose e l'intervallo QT. Il metadone, noto per la sua capacità di aumentare il Qt, è stato utilizzato come controllo per dimostrare la sensibilità della valutazione. I 38.397 partecipanti sono stati seguiti con elettrocardiogrammi effettuati dopo la prescrizione di antidepressivi o metadone, in un periodo compreso tra febbraio 1990 e agosto 2011. Sono state prese in considerazione anche le caratteristiche cliniche e sociodemografiche note per influenzare l'intervallo Qt, come età, sesso, etnia, storia clinica della depressione, eventuali episodi pregressi di infarto del miocardio o di aritmia ventricolare, ipertensione, iperlipidemia e comorbidità. L'associazione tra un prolungamento del Qt e l'assunzione di antidepressivi in funzione della dose è stata osservata per citalopram, escitalopram e amitriptilina, ma non per altri antidepressivi esaminati. Un'associazione tra farmaco e riduzione del QT è stata identificata con l'assunzione di bupropione. Questo studio conferma quindi un modesto prolungamento dell'intervallo Qt. «Tuttavia» sottolineano i ricercatori «per la maggior parte dei pazienti i benefici ottenuti dal trattamento di ansia e depressione superano i rischi incorsi con l'aumento modesto del QT, che può essere tenuto sotto controllo grazie agli esami e alle cartelle cliniche elettroniche». Studi di farmacovigilanza che sfruttino le cartelle cliniche elettroniche potrebbero fornire, infatti, un valido strumento per identificare potenziali rischi associati a trattamenti con antidepressivi.


Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite