Più informazione sulle allergie alimentari

12 febbraio 2013
News

Più informazione sulle allergie alimentari



allergie alimentari, anafilassi, alimenti, etichette, allergeni


L'Accademia europea di allergologia e immunologia clinica (Eaaci) giovedì 7 febbraio, nell'ambito della sua Campagna sulle allergie alimentari e anafilassi, ha sottoscritto una Dichiarazione pubblica europea con i punti che ritiene indispensabili da affrontare. In particolare, si chiede dicreare campagne informative sulle allergie alimentari, volte a sensibilizzare l'opinione pubbliche e di formulare etichette alimentari chiare e semplici necessarie per aiutare chi soffre di tali allergie a gestire meglio la propria condizione. Inoltre, si sottolinea la necessità di un aumento dei finanziamenti e risorse per le attività di ricerca nel campo delle allergie alimentari e anafilassi. La campagna è volta ad aumentare la consapevolezza dell'incremento di questi disturbi e dei fattori di rischio di anafilassi all'interno dell'Unione europea, nonché a fornire informazioni al pubblico, ai politici ed ai legislatori sui rischi e sulla procedura d'emergenza da attuarsi in caso di necessità. Il documento pubblico è il primo passo, l'associazione nel corso del 2013 contatterà i funzionari dell'Unione europea fornendo raccomandazioni e chiedendo loro di adottare misure concrete per migliorare la gestione e il trattamento delle allergie alimentari e dell'anafilassi.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
Alimentazione
15 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
L'esperto risponde