Con un massaggio alle guance si può sconfiggere l’ipoglicemia neonatale

03 ottobre 2013
News

Con un massaggio alle guance si può sconfiggere l'ipoglicemia neonatale



ipoglicemia neonatale


«L'ipoglicemia neonatale è un disturbo comune, colpisce fino al 15 per cento dei bambini ed è una causa evitabile di danno cerebrale» dice Jane Harding, neonatologa all'Università di Auckland, in Nuova Zelanda e coautrice di un articolo appena uscito su The Lancet che racconta i risultati dei ricercatori neozelandesi che hanno testato il gel di destrosio proprio contro l'ipoglicemia neonatale con ottimi risultati: massaggiandolo delicatamente all'interno delle guance, potrebbe essere la prima scelta nel trattamento di questa patologia.

Il destrosio gel è già utilizzato contro l''ipoglicemia dei diabetici, ma il suo effetto sui bambini è poco conosciuto. Fino a oggi la cura dei neonati è basata su un'alimentazione supplementare aggiustata su ripetuti esami della glicemia, ma molti vengono poi ricoverati in terapia intensiva e trattati con glucosio endovena a causa del persistere dell'ipoglicemia.

«Sugar Babies Study è il primo studio svolto nei neonati a dimostrare che il massaggio in bocca con il gel è più efficace dell'alimentazione nel trattare l'ipoglicemia, oltre che sicuro e semplice da usare» aggiunge la ricercatrice. Non poca attenzione è anche data al fatto che la cura costa solo due dollari a bambino riducendo notevolmente i costi sanitari. Al Sugar Babies hanno partecipato 242 bambini ipoglicemici e il trattamento con destrosio si è dimostrato rapido ed efficace nel normalizzare lo zucchero nel sangue, senza effetti negativi e riducendo il rischio di ricovero in terapia intensiva.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo della data presunta parto
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Epistassi, come comportarsi
Infanzia
03 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Epistassi, come comportarsi
L'esperto risponde