A novembre le farmacie diventano un osservatorio sul cuore degli italiani

19 novembre 2013
News

A novembre le farmacie diventano un osservatorio sul cuore degli italiani



farmacia; cuore


Occhio al cuore, anche perché grazie alla diagnosi precoce e ai farmaci, ma soprattutto grazie alla diffusione di stili di vita più sani, il tasso di mortalità per le malattie ischemiche negli ultimi 20 anni è diminuito del dieci per cento.
E proprio questa fondamentale strategia sarà al centro della campagna "Ci sta a cuore il tuo cuore", promossa da Apoteca Natura in collaborazione con Simg (Società italiana di medicina generale) e Amd (Associazione medici diabetologi).

Per tutto il mese di novembre nelle 500 farmacie del network Apoteca Natura i cittadini avranno a disposizione un questionario per individuare i propri fattori di rischio cardiovascolare, modificabili e non, e un opuscolo informativo sui corretti stili di vita. Perché nonostante i grandi passi in avanti fatti rimangono molti i decessi annui per malattie cardiache: 225mila, pari a quasi il 40 per cento dei decessi totali. Oltre il 30 per cento di questi è causato da malattie ischemiche del cuore come ad esempio l'infarto del miocardio. Ne soffrono in maniera uguale donne e uomini. Nei maschi la mortalità è più alta fra i 40 e i 50 anni per poi crescere esponenzialmente con il progredire dell'età. Nelle donne invece il rischio inizia a partire dai 50-60 anni.

La campagna prevede che ogni martedì, in tutte le 500 farmacie del network, sia possibile effettuare un'autovalutazione guidata sul proprio stile di vita e ottenere controlli gratuiti su prenotazione: misurazione della pressione arteriosa, della colesterolemia totale, dell'indice di massa corporea e della circonferenza addominale. Valori fondamentali per individuare rischi di futuri disturbi del cuore.

«È importante diffondere in modo capillare un messaggio chiaro e fondamentale» afferma infatti Giuseppe Ventriglia, responsabile nazionale Simg della Formazione «e cioè che il nostro stile di vita è la medicina più importante. Alimentazione corretta, attività fisica regolare e abolizione dei fattori di rischio, come ad esempio il fumo e l'alcool, rappresentano le armi vincenti per combattere, a qualsiasi età, l'insorgere di patologie cardiovascolari».

Di grande importanza è la partecipazione dei farmacisti, perché la loro collaborazione incrementa la capillarità della campagna informativa e preventiva: «Siamo ogni giorno in prima linea» sottolinea Elisabetta Pellegrino, farmacista della rete Apoteca Natura «e poniamo al centro del nostro lavoro il dialogo con i cittadini. Raccogliere i dati sulla salute, ascoltare le persone, indagare sulle loro abitudini alimentari e sullo stile di vita al fine di evitare l'insorgenza di gravi malattie come in questo caso quelle cardiovascolari, fa parte dei nostri compiti e dei servizi che offriamo».

I dati raccolti tramite i test in farmacia saranno inseriti all'interno di un Questionario che consente di ottenere la propria Mappa del Benessere Cardiovascolare, e saranno i farmacisti a consigliare, eventualmente, un controllo più accurato con il proprio medico. Il Questionario si avvale inoltre di strumenti ufficiali: la "Carta del Rischio Cardiovascolare" dell'Istituto superiore di sanità (Iss), per valutare la probabilità di sviluppare un evento cardiovascolare maggiore (infarto, ictus) nell'arco di dieci anni e il Test FindRisc dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), per stimare il rischio di sviluppare un diabete mellito di tipo 2.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso
Cuore circolazione e malattie del sangue
16 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso