L'importanza delle mele nella prevenzione di ictus e infarto per gli over 50

20 dicembre 2013
News

L'importanza delle mele nella prevenzione di ictus e infarto per gli over 50



salute cardiovascolare; mele


Ora è ufficiale. E soprattutto certificato scientificamente: una mela al giorno leva il medico di torno. Un team di ricercatori dell'università di Oxford ha pubblicato infatti sul British medical journal una stima di quante morti si potrebbero evitare seguendo la regola della mela quotidiana.

Se tutti gli over 50 la seguissero, secondo gli scienziati, si potrebbero risparmiare in gran Bretagna 8.500 decessi l'anno, dovuti a infarti e ictus. Questo perché le mele darebbero un sostegno alla salute cardiovascolare simile a quello garantito da farmaci come le statine, senza nessun effetto collaterale.

Qualunque frutto dovrebbe funzionare in questo senso ma, spiegano gli studiosi, spingere le persone a seguire questa dieta quotidiana potrebbe significare vincere una sfida dato che le ricerche sostengono che più di due terzi degli adulti inglesi non mangia frutta a sufficienza e secondo i calcoli dei ricercatori, se gli adulti di tutte le età riuscissero a mangiare una porzione extra di frutta o verdura al giorno, ogni anno ben 11mila morti per cause vascolari potrebbero essere evitate e segnalano la particolare importanza della regola d'oro per gli over 50, che sono più a rischio di malattie cardiovascolari.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde