Il sexting prende piede tra gli adolescenti, e suscita preoccupazioni

16 gennaio 2014
News

Il sexting prende piede tra gli adolescenti, e suscita preoccupazioni



sesso; sexting


Sono sempre più numerosi i giovanissimi che non trovano nulla di male nello scambiarsi elettronicamente messaggi e immagini a sfondo sessuale, comportamento talmente diffuso tra gli adulti da aver generato un apposito neologismo: sexting (come contrazione di Sex-Texting). Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista americana Pediatrics, già durante gli anni delle scuole medie lo fa circa uno studente su cinque.

«I nostri dati suggeriscono che inviare messaggi e foto sessualmente espliciti può essere un indicatore di possibili comportamenti sessuali a rischio» spiega il pediatra Christopher Houck, autore dello studio in cui sono stati intervistati 420 studenti di 12-13 anni di cinque scuole medie pubbliche, tra quelli segnalati dai docenti per difficoltà comportamentali o emotive. Il 70 per cento circa dei ragazzi ha dichiarato di avere un proprio cellulare o smartphone, e oltre due su dieci di averlo usato per flirtare via sms o Facebook negli ultimi sei mesi, anche con messaggi e fotografie spinti.

Quando poi i ricercatori hanno indagato anche la sfera dei rapporti sessuali veri e propri hanno scoperto che vanno abbastanza di pari passo con il sexting: «Chi invia foto esplicite è più propenso a impegnarsi in comportamenti sessuali reali rispetto a chi messaggia soltanto parole» spiega il pediatra, raccomandando di fare il possibile per educare i giovani adolescenti, grandi consumatori di tecnologia mobile, sulle possibili conseguenze del sexting.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Epistassi, come comportarsi
Infanzia
03 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Epistassi, come comportarsi
L'esperto risponde