Non rovinatevi le vacanze: ecco i farmaci da avere in valigia

30 luglio 2014
News

Non rovinatevi le vacanze: ecco i farmaci da avere in valigia



farmaci


Pronti alla partenza? Ma prima di chiudere la valigia fatevi questa domanda: quali farmaci di automedicazione portare con sé per non rischiare di farsi rovinare le gioie della bella stagione da qualche improvviso malessere "da vacanza"?
Non fa differenza se al mare, in montagna o all'estero, l'importante è non dimenticarsi un kit di automedicazione "salva-vacanze".

Perché, spiega Ornella Cappelli, past president dell'Associazione italiana donne medico: «È possibile ricorrere all'automedicazione per quei disturbi lievi che si conoscono ormai per comune esperienza. In particolare anche durante le vacanze è bene attenersi ad alcune semplici regole per un corretto ricorso ai farmaci di automedicazione: l'impiego non va protratto oltre quanto stabilito dal foglietto illustrativo e se il disturbo non si risolve entro 3-4 giorni è bene rivolgersi a un medico. Altrettanto importante, non usare il passaparola ma è preferibile rivolgersi al farmacista, sempre disponibile anche nei luoghi di vacanza».

I farmaci da portare in vacanza per curare i piccoli malesseri sono quelli di automedicazione o da banco, senza obbligo di prescrizione. Ecco quali mettere in valigia secondo Assosalute (l'Associazione nazionale farmaci di automedicazione):

· Gli antidolorifici/antinfiammatori e antipiretici.
· Creme e pomate contro le irritazioni della pelle (antistaminici e cortisonici a bassa media potenza).
· Disinfettanti per la gola.
· Farmaci contro la cattiva digestione (antiacidi e pro cinetici).
· Lassativi.
· Melatonina e altri prodotti contro il jet-lag.
· Il kit del pronto soccorso (disinfettanti, garze sterili e cerotti).
· Antidiarroici.
· Non bisogna poi dimenticarsi di portare con sé i farmaci con ricetta che si assumono abitualmente (ad esempio quelli per la pressione alta, per il cuore, la pillola anticoncezionale, etc.).

Importante è poi fare attenzione a come conservare i farmaci. Ecco le precauzioni da ricordare quando si è in viaggio:

· Evitare forti sbalzi di temperatura: è consigliabile non superare i 30°c (meglio mantenersi sui 25°c) per cui è bene non lasciare i farmaci in macchina sotto il sole: dentro l'auto si raggiungono facilmente temperature molto elevate. Sono dannose anche le temperature troppo basse, per cui ad esempio se si viaggia in aereo è sempre meglio tenere la valigetta dei farmaci nel bagaglio a mano: nelle stive degli aerei la temperatura scende anche di molti gradi sotto lo zero. Accertarsi sempre delle modalità di conservazione indicate dai foglietti illustrativi: alcuni farmaci, infatti, prevedono una conservazione in frigorifero.
· Prestare attenzione all'umidità: l'umidità, presente per esempio in un bagno non ben areato, può alterare compresse, capsule e cerotti medicati. È importante ricordarsi di eliminare il batuffolo di cotone che a volte si trova all'interno delle confezioni perché può trattenere l'umidità.
· Non sostituire mai la confezione originale: la confezione dei farmaci aiuta a rendere sempre riconoscibile un farmaco; riporta la data di scadenza e conservandola siamo certi di non perdere il foglietto illustrativo, fonte preziosa di informazioni quali le modalità di assunzione, il corretto dosaggio e gli eventuali effetti indesiderati. Bisogna quindi anche evitare d'inserire farmaci diversi in una sola confezione o mescolarli in uno stesso contenitore per risparmiare spazio in valigia.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Ultimi articoli
L'esperto risponde