Un tuffo refrigerante? Ma attenzione se portate le lenti a contatto

01 agosto 2014
News

Un tuffo refrigerante? Ma attenzione se portate le lenti a contatto



lenti a contatto; estate


Mare e piscina: luoghi d'elezione per combattere il caldo estivo, ma per chi porta le lenti a contatto si possono trasformare in luoghi di fastidio e di irritazioni. Per loro ecco i consigli del Marco Moschi, direttore sanitario di Clinica Baviera Italia, istituto oftalmico specializzato nella correzione dei difetti visivi presente a Milano, Torino e Varese.

In piscina il nemico numero uno è il cloro, che può irritare l'occhio e causare congiuntiviti. Questo vale per tutti, sia per i portatori di lenti sia per chi non le indossa. Gli occhi rossi, la sensazione di avere un corpo estraneo nell'occhio, la lacrimazione o l'ipersensibilità alla luce sono i sintomi di una probabile infezione e/o irritazione oculare. Per questo si raccomanda di indossare sempre gli occhialini per fare il bagno.
Le congiuntiviti sono spesso provocate dal cloro presente nelle piscine e anche dall'eccessiva esposizione al sole. Per questo è opportuno indossare gli occhialini in acqua e, una volta fuori, portare occhiali da sole con filtro Uv che coprano per intero l'occhio e lo proteggano dai raggi solari. Per scongiurare possibili contagi infettivi, inoltre, è estremamente importante evitare di condividere asciugamani.

Chi utilizza lenti a contatto è più predisposto a contrarre infezioni durante l'estate. Che siano morbide o rigide, il rischio di lesioni alla cornea o alla congiuntiva è sempre dietro l'angolo: ecco perché è meglio rimuovere le lenti prima di un tuffo in acqua. Se non si vuole rinunciare alle Lac, è meglio indossare gli occhialini per nuotare, evitando il contatto diretto tra la lente e l'acqua. Il contatto della lente con l'acqua di mare o della piscina, infatti, determina alterazioni dell'idratazione della lente con una conseguente irritazione oculare.

Nel caso in cui un granello di sabbia dovesse entrare tra l'occhio e la lente a contatto è importante non strofinare: il rischio di escoriazioni, o ancor più grave di ferita della cornea, è elevato. In questi casi la cosa migliore da fare è lasciare agire le nostre lacrime per far uscire il corpo estraneo. Se questo resiste, è consigliabile togliere la lente a contatto e sciacquare l'occhio sotto il getto di acqua corrente, aprendo e chiudendo l'occhio senza strofinarlo e senza applicare alcun tipo di pressione. Prima di rimettersi la lente è opportuno lavarla accuratamente.

L'igiene delle lenti durante l'estate è fondamentale. In caso di lenti usa e getta il problema non si pone, ma per tutti gli altri tipi di lente occorre un'attenta pulizia quotidiana: le mani devono essere ben lavate prima di procedere alla pulizia delle Lac e queste devono essere riposte negli appositi contenitori, mantenuti sempre puliti con le soluzioni idonee e rinnovate sistematicamente. Fondamentale, poi, è rispettare le scadenze delle lenti che vanno sostituite alla data indicata anche se poco utilizzate.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Occhio secco: dal 2 al 31 maggio visite gratuite
Occhio e vista
17 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Occhio secco: dal 2 al 31 maggio visite gratuite
Sindrome dell'occhio secco, come riconoscerla e curarla
Occhio e vista
27 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'occhio secco, come riconoscerla e curarla
Glaucoma, il killer silenzioso della vista
Occhio e vista
14 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Glaucoma, il killer silenzioso della vista
L'esperto risponde