Coppie a rischio per troppi tweet

26 agosto 2014
News

Coppie a rischio per troppi tweet



coppia separata


Social network e crisi di coppia: è la volta di Twitter, finito sotto la lente di ingrandimento come possibile elemento di discussione e problemi in una relazione amorosa. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Cyberpsychology, behavior, and social networking da Russell Clayton della University of Missouri, l'utilizzo di Twitter sembra aumentare infatti i conflitti fra partner, e questo indipendentemente dalla durata più o meno lunga della relazione.

«Lo scopo di questa ricerca era esaminare come l'utilizzo di siti di social network, in particolare l'uso di Twitter, influenzi in modo negativo le relazioni interpersonali» spiega Clayton. La ricerca ha utilizzato un questionario online di 20 domande nelle quali si chiedevano informazioni sulla quantità di utilizzo di Twitter e si domandava se quest'ultimo fosse stato causa di conflitti nella coppia. Il questionario è stato 'twittato' a oltre 3,4 milioni di utilizzatori di questo social network, e i partecipanti finali allo studio che hanno risposto alle domande sono stati 581. La loro media di uso giornaliero di Twitter era di 52 minuti, cinque giorni la settimana. L'uso di Twitter è stato associato a notevoli conflitti legati proprio all'uso dei messaggini e tali conflitti a loro volta hanno portato a imbrogli e fallimenti della relazione.

Come se non bastasse, è emerso anche che la durata del legame di coppia non faceva alcuna differenza. «In una relazione sono molte le variabili che possono contribuire all'infedeltà e alla separazione, ma questo studio ha ipotizzato che l'utilizzo di siti di social network, in particolare l'uso di Twitter, possa contribuire alla fine delle relazioni» dice Clayton che poi conclude: «i nostri risultati si aggiungono alla crescente quantità di dati provenienti da lavori svolti per valutare il legame tra uso dei social network e gli esiti di una relazione romantica».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Ultimi articoli
L'esperto risponde