La giusta quantità di sonno riduce le assenze dal lavoro

30 settembre 2014
News

La giusta quantità di sonno riduce le assenze dal lavoro



sonno


Dormire una giusta quantità di ore ogni notte, senza esagerare né in un senso né nell'altro, rende meno probabili le assenze dal lavoro per malattia. La segnalazione proviene da uno studio pubblicato sulla rivista Sleep e realizzato in Finlandia con la partecipazione di oltre 3.700 persone di età compresa fra i 30 e i 64 anni.

I ricercatori le hanno seguite per un periodo medio di circa sette anni, valutando in particolare le ore di sonno e le assenze dal lavoro. È stato così visto che la prestazione migliore, in termini di minore perdita di lavoro per malattia, veniva raggiunta da chi dormiva tra le sette e le otto ore a notte. E un calcolo preciso fatto dai ricercatori ha definito anche il numero ideale di ore di sonno: 7 ore e 38 minuti a notte per le donne e 7 ore e 46 minuti per gli uomini.

Invece, la probabilità maggiore di assenze dal lavoro a seguito di malattia si verificava in caso di un riposo notturno inferiore a sei ore per notte o superiore a nove.

I ricercatori hanno inoltre rilevato che vi era un legame tra i sintomi da insonnia, come svegliarsi presto al mattino, sentirsi più stanchi degli altri o ancora utilizzare pastiglie per dormire, e la maggiore quantità di assenza dal lavoro per malattia.

Va ricordato però, come affermano gli autori, che l'associazione trovata non prova un collegamento causa effetto fra le ore dormite e i giorni di malattia. Tea Lallukka, del Finnish Institute of Occupational Health a Helsinki, in Finlandia, prima autrice dello studio, aggiunge un calcolo economico del vantaggio collegabile a un buon sonno: «Nonostante la persistenza di altri problemi di salute possa influenzare le stime, i costi diretti dovuti alla assenza per malattia potrebbero diminuire fino al 28 per cento se disturbi del sonno potessero essere affrontati». E poi conclude: «Questo studio sottolinea la necessità di prevenire i disturbi del sonno e di promuoverne una lunghezza ottimale per ridurre le assenze dal lavoro per malattia».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
Mente e cervello
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
L'esperto risponde