Come ridare morbidezza ai capelli secchi

26 febbraio 2018
News

Come ridare morbidezza ai capelli secchi



Se vi accorgete che i vostri capelli stanno diventando opachi, privi di luminosità, spesso sembrano elettrici e le punte stanno diventando crespe facendovi disperare quando volete metterli in piega, avete senza dubbio i capelli secchi che sembrano ruvidi soprattutto sulle punte, mentre sul cuoio capelluto possono apparire dei fenomeni di desquamazione.

Cosa fare, quindi, in presenza di capelli secchi?

Va detto che questa condizione ë determinata dalla  scarsa quantità di sebo (prodotta dalle ghiandole pilo sebacee) che ha il compito di formare un velo lubrificante e protettivo che interessa tutto il fusto capillare rendendo i capelli morbidi, elastici, resistenti e lucenti. Il cuoio capelluto, inoltre, mostra una disidratazione che lo rende facilmente irritabile, iper reattivo alle aggressioni esterne, con presenza di pizzicore e arrossamenti. Se la secchezza riguarda solo le punte dei capelli, il danno è  relativo solo alle cellule della cuticola, lo strato più  esterno del fusto dove sono posizionate squame microscopiche sovrapposte e unite che possono essere aggredite da fattori  ambientali o chimici. Questi fattori provocano rotture e sollevamenti che portano allo scoperto le parti interne del capello che rischiano di venire danneggiate, inoltre, le squame così aperte non riflettono la luce. Questi fenomeni infragiliscono i capelli, li rendono opachi e porosi e, anche se trattati con un maggior quantitativo di acqua, dopo l'asciugatura rimangono secchi al tatto.
Ci sono poi condizioni specifiche che determinano la secchezza dei capelli come carenza di lipidi, un'aggressione esterna, l'assunzione di particolari farmaci, un'alimentazione disequilibrata o carenze ormonali dovute alla menopausa.

Tutti i migliori suggerimenti

In presenza di capelli secchi, quindi, ë necessario che lo shampoo  per la detersione sia delicato e  arricchito con ingredienti idratanti e relipidizzanti che garantiscano un riequilibrio fisiologico di capelli e cuoio capelluto. Nell'impiego di questi prodotti va prestata attenzione alla fase di risciacquo che dovrebbe essere effettuata, all'ultimo, con acqua tiepida o, meglio ancora, fredda.
Dopo lo shampoo ë indispensabile utilizzare un balsamo o una maschera emolliente da lasciare in posa qualche minuto, risciacquando con acqua tiepida.  Utili sono anche le creme idratanti senza risciacquo che si applicano sui capelli asciutti senza lasciare residui untuosi, avendo l'accortezza di applicarli sulle punte o sulle lunghezze, in funzione della necessità. Questa è un'operazione che può essere effettuata tutti i giorni. Ideale una volta alla settimana (o ogni 15 giorni) è  invece applicare un olio specifico anche sul cuoio capelluto  con un messaggio,  distribuendolo poi sulle lunghezze e sulle punte. Per rinforzare l'azione del'olio può  essere utile ricoprire il capo con uno strato di carta stagnola o un asciugamano caldo.
Se i vostri capelli sono particolarmente crespi potete ricorrere ai prodotti anti-crespo  che vanno applicati sui capelli umidi o asciutti prima di procedere all'asciugatura con il phon, che deve avere una temperatura bassa e va tenuto a una distanza di almeno 20 centimetri dalla chioma. Gli anti-crespo proteggono anche dal brushing (messa in piega con spazzola e phon) e permettono di ottenere capelli soffici e lucidi o riccioli morbidi.
Ricordate anche di proteggere sempre i capelli secchi dall'azione dei raggi solari o dall'aggressione dell'acqua salata del mare o da quella clorata della piscina con appositi prodotti creati proprio per questo scopo.

Elisa Da Vinci



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Gambe e piedi in salute in cinque mosse
Pelle
12 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gambe e piedi in salute in cinque mosse
Al sole in sicurezza con un’App
Pelle
07 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Al sole in sicurezza con un’App
Dermatite atopica: parliamone per gestirla al meglio
Pelle
05 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Dermatite atopica: parliamone per gestirla al meglio
L'esperto risponde