Pelle matura, cinque soluzioni per cinque problemi

02 marzo 2018
News

Pelle matura, cinque soluzioni per cinque problemi



La pelle è un organo molto sensibile che risente non solo del passare del tempo ma di tutti i fenomeni esterni che condizionano il suo benessere. Infatti la pelle comincia ad invecchiare già dai 30 anni in poi.
Le maggiori cause di questa trasformazione sono:
- Invecchiamento dovuto all'età chiamato anche intrinseco basato su fattori genetici, processi metabolici e a variazioni ormonali, che conducono ad atrofia del derma, dell'ipoderma e delle strutture di sostegno;
- Invecchiamento foto indotto provocato dalle radiazioni ultraviolette  con stress ossidativo cronico, a cui contribuiscono anche fattori ambientali come inquinamento e tabacco;
- Minor attività delle fibre di collagene ed elastina;
- Minor produzione di sebo e lipidi intracellulari;
- Minor produzione di acqua.

Questi fattori modificano la struttura della pelle e, infatti, nel caso di crono invecchiamento (passare del tempo) la cute diventa sottile, atrofica, pallida e priva di tono mentre a causa delle azioni di raggi UV e agenti esterni, il foto invecchiamento porta l'epidermide a diventare ispessita, ruvida, solcata da rughe sottili, rilassata, a volte con rottura di capillari e colore giallognolo. Inoltre, cominciano a comparire discromie e macchie causate da una degenerazione cutanea che porta la melanina ad accumularsi in alcuni punti formando appunto le lentigo senilis.
Per mantenere in salute una pelle che sta invecchiando è possibile agire sul alcune cause  in 5 mosse con l'impiego  di dermocosmetici e integratori:
- stabilire il giusto tenore di acqua e di lipidi scegliendo per la detersione prodotti che apportino sostanze nutrienti, idratanti e protettive, rispettose dell'equilibrio idrolipidico della pelle;
- frenare l'azione ossidativa dei radicali liberi sia con integratori alimentari ricchi di antiossidanti e vitamine, sia con solari ad alto fattore di protezione e con prodotti antietà contenenti filtri UV;
- inibire l'azione degli enzimi che degradano le fibre del derma, con dermocosmetici contenenti principi attivi come Alfaidrossiacidi, acido Ialuronico, Alghe blu, Glicosamminoglicani, Flavonoidi, Retinolo, Vitamina C; per le macchie scegliere creme depigmentanti;
- accelerare il turn  over cellulare sia del viso sia del corpo grazie a esfolianti e scrub (non più di 2 volte la settimana);
- stimolare la produzione di collagene ed elastina dei fibroblasti grazie a sieri rivitalizzanti e rassodanti e creme contenenti elastina e collagene. Utili per il viso sono anche le maschere nutrienti, idratanti, rivitalizzanti e rassodanti.

Elisa Da Vinci



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Gambe e piedi in salute in cinque mosse
Pelle
12 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gambe e piedi in salute in cinque mosse
Al sole in sicurezza con un’App
Pelle
07 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Al sole in sicurezza con un’App
Dermatite atopica: parliamone per gestirla al meglio
Pelle
05 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Dermatite atopica: parliamone per gestirla al meglio
L'esperto risponde