Il movimento è salute

21 giugno 2018
News, Video

Il movimento è salute



La Campagna di comunicazione "Il movimento è salute. A tutte le età" è realizzata dal Ministero della Salute in collaborazione con il Coni e l'Istituto Superiore di Sanità. Tra i protagonisti i campioni olimpici Jury Chechi il "Signore degli Anelli", e la schermitrice Elisa Di Francisca.



Uno dei principali fattori di rischio per la salute degli individui è rappresentato dalla sedentarietà.
Lo svolgimento regolare dell'attività fisica, con i dovuti accorgimenti, ha un effetto benefico a tutte le età. Nei bambini favorisce un corretto sviluppo fisico e la socializzazione, negli adulti contribuisce a ridurre il rischio dell'insorgenza di malattie croniche (dal diabete alle patologie tumorali e cardiovascolari) e migliora la salute mentale, negli anziani migliora l'elasticità muscolare e svolge un ruolo di primaria importanza nella prevenzione della malattie cronico degenerative.
Nonostante i tanti benefici di salute collegati al regolare svolgimento di attività fisica, secondo i dati del sistema PASSI 2017, più del 32% degli italiani è da considerare sedentario.
Questo dato è ancora più preoccupante considerando che la percezione soggettiva del livello di attività fisica praticata non sempre corrisponde a quella effettivamente svolta: almeno un sedentario su cinque percepisce infatti come sufficiente il proprio impegno motorio quotidiano.

fonte: Ministero della Salute



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Allarme obesità in Italia. Il 19 maggio la giornata europea
Salute pubblica
03 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Allarme obesità in Italia. Il 19 maggio la giornata europea
Giornata nazionale per la salute e il benessere in città
Salute pubblica
10 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Giornata nazionale per la salute e il benessere in città
Millennial, le loro esigenze cambieranno il settore della salute
Salute pubblica
11 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Millennial, le loro esigenze cambieranno il settore della salute
L'esperto risponde