Il karaoke aiuta le terapie psichiatriche

13 novembre 2014
News

Il karaoke aiuta le terapie psichiatriche



karaoke


Analizzando un campione di 61 pazienti (31 depressi, 17 bipolari e 13 alcolisti), il gruppo del Behavioral health hospital (Greensboro, Usa) dell'Associazione americana degli infermieri psichiatrici (Apna), ha realizzato uno studio su quanto e come il karaoke aiuti i pazienti psichiatrici in ospedale a controllare gli stati d'ansia e a seguire meglio le cure.

La ricerca è stata premiata come la migliore tra quelle proposte dall'associazione: dopo aver cantato insieme il karaoke, i pazienti sono stati valutati rispetto al livello di ansia e alla qualità del sonno, così come è stata studiata la partecipazione alle sedute di gruppo e la quantità utilizzata di farmaci a richiesta (cioè quelle medicine che i pazienti chiedono ai terapisti quando ne sentono il bisogno).

I risultati? Non ha migliorato il sonno, ma il livello di ansia si è ridotto sensibilmente, la partecipazione ai gruppi è aumentata del 24 per cento e si è ridotta di un terzo la quantità di medicinali a richiesta. Tutto questo, dicono gli autori, indica che il karaoke influisce positivamente sullo stato dei pazienti e "può contribuire a ridurre i tempi di ricovero".


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
Mente e cervello
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
L'esperto risponde