Il virus Hiv arretra in ragazza sieropositiva. L'esperto: non affrettare conclusioni

22 luglio 2015
News

Il virus Hiv arretra in ragazza sieropositiva. L'esperto: non affrettare conclusioni



virus hiv


Una ragazza nata sieropositiva nel 1996, che aveva interrotto i trattamenti antiretrovirali ben 12 anni fa, mostra ancora una regressione dal virus Hiv: l'annuncio è stato dato lunedì, alla conferenza della International aids society (Ias) a Vancouver, dai medici dell'Institut Pasteur di Parigi.
«Dodici anni, è straordinario» ha dichiarato Jean-François Delfraissy, direttore dell'Agenzia nazionale francese per la ricerca sull'Aids e le epatiti virali (Anrs) e dell'Istituto di microbiologia e malattie infettive di Parigi «anche nello studio Visconti, che riunisce adulti trattati subito dopo aver contratto l'infezione e che continuano a controllarla nonostante l'interruzione del trattamento, solo un paziente ha una durata di remissione superiore, 13 anni». Ma nel caso presentato a Vancouver si tratta di un'interruzione che si è verificata su una bambina e non si era mai osservata una remissione di così lungo periodo per pazienti in età pediatrica.

L'eccezionalità dell'annuncio è riconosciuta anche da Giampiero Carosi, professore emerito di Infettivologia dell'Università di Brescia: «Se la bambina è stata trattata dalla nascita per sei anni di fila senza mai interrompere la terapia è un caso interessante perché è la prima volta che si ha una negativizzazione così lunga. L'ipotesi più probabile è che la carica virale, già molto bassa, possa essersi azzerata del tutto».
I medici curanti però avvertono: la ragazza non è guarita, ma il suo organismo è in grado di controllare la replicazione del virus, che resta comunque presente.
Carosi raccomanda di non trarre conclusioni affrettate riguardo a "possibili novità" sui farmaci: «La bambina era stata trattata dal 1996, quando c'erano ancora i primi farmaci efficaci, che sono poi stati molto migliorati negli anni successivi». È però rassicurante che ormai la trasmissione del virus dalle madri ai neonati sia sempre più rara: «Oggi le donne sieropositive vanno messe in trattamento con la terapia triplice continuata e i bambini trattati fino a escludere che si siano infettati; 18 anni fa questo non si faceva».

Renato Torlaschi

Fonte: Doctor33 del 21/07/2015


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
Malattie infettive
01 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
L'esperto risponde