Per mangiare meno, stop alle maxi-porzioni

30 settembre 2015
News

Per mangiare meno, stop alle maxi-porzioni



maxiporzione panino


Non è solo una questione di mancanza di autocontrollo. Chi mangia troppo potrebbe essere influenzato anche dalle maxi-porzioni di cibo e bevande disponibili oggi sul mercato e spesso anche convenienti dal punto di vista economico rispetto alle porzioni più ridotte. È quanto affermano i ricercatori guidati da Gareth Hollands, ricercatore in salute e comportamento all'Università di Cambridge nel Regno Unito, che hanno analizzato la letteratura scientifica sull'argomento.

«Sappiamo che mangiare troppo, fumare e bere alcolici aumenta il rischio di molte malattie oggi responsabili di decessi prematuri e tanti problemi per la salute» spiega il ricercatore, che ha pubblicato i risultati ottenuti come revisione sistematica nel Cochrane database, valutando l'effetto delle porzioni e delle confezioni sul consumo di cibo, bevande e sigarette sulle scelte di chi acquista. E a quanto emerge dalle analisi finali esiste davvero un effetto delle porzioni e della forma e dimensioni di utensili e contenitori sul consumo finale di cibo e bevande.

«Se sono disponibili porzioni più grandi il consumo aumenta sia nei bambini sia negli adulti» conferma Hollands che poi aggiunge: «Diverso il risultato per quanto riguarda le sigarette e le bevande alcoliche dal momento che gli studi disponibili non bastano per arrivate a conclusioni definitive». Come sottolineano gli autori, l'effetto-porzione è presente sempre senza grandi variazioni tra uomini e donne o tra persone in sovrappeso e persone più magre.

«Riducendo in modo consistente l'esposizione alle porzioni eccessive (o a utensili e stoviglie troppo grandi) si potrebbe ridurre l'assunzione giornaliera di calorie derivate dal cibo nel Regno Unito» dice l'autore che poi traduce la sua affermazione in un esempio pratico: su una dieta di base da circa 1.700 kcal l'assunzione calorica scenderebbe di 144-228 kcal.

Per arrivare a questi risultati servono però interventi mirati e piuttosto complessi.
Si dovrebbe:
1. Ridurre le dimensioni di piatti, bicchieri e altri utensili da cucina;
2. Limitare le porzioni dei cibi molto calorici come dessert e bevande zuccherate;
3. Posizionare le confezioni maxi in punti meno accessibili degli scaffali dei supermercati;
4. Ridurre anche i vantaggi economici legati all'acquisto di maxi-porzioni di cibi particolarmente ricchi di calorie.

«Al momento è molto più semplice - e spesso anche più conveniente in termini economici - mangiare e bere troppo» afferma Ian Shemilt, coautore della ricerca, sottolineando che ad oggi non è ancora chiaro quale sia la strategia migliore per arrivare a ridurre l'eccesso di calorie consumate.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde