Più pesce in tavola per tenere lontana la depressione

02 ottobre 2015
News

Più pesce in tavola per tenere lontana la depressione



pesce; depressione


Tanto pesce nella dieta quotidiana potrebbe aiutare a migliorare l'umore e in particolare a ridurre le possibilità di andare incontro a depressione, un problema che riguarda ben 350 milioni di persone in tutto il mondo e che, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, è una delle principali cause di disabilità a livello mondiale.
«Anche se studi precedenti hanno suggerito che i fattori alimentari possono avere un ruolo nel rischio di depressione, l'associazione tra il consumo di pesce e questo disturbo è ancora controversa» spiega Fang Li, della Qingdao University in Cina e uno degli autori di uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Journal of epidemiology & community health.

Per chiarire i dubbi sull'argomento, Li e colleghi hanno analizzato i dati di 26 studi pubblicati tra il 2001 e i 2014 e che avevano coinvolto in totale oltre 150mila persone, arrivando alla conclusione che chi mangia più prodotti che arrivano dal mare ha un minor rischio di depressione. «Dalla nostra analisi è emerso che chi consumava più pesce aveva un rischio di depressione del 17 per cento inferiore rispetto a chi invece ne mangiava poco» afferma Li, precisando che ci sono anche differenze tra uomini e donne, con un effetto di riduzione del rischio maggiore nel cosiddetto "sesso forte".

Come ricordano gli autori, lo studio non dimostra una relazione causa-effetto tra il consumo di pesce e la depressione, ma di certo mette in luce un'associazione che vale la pena approfondire, per scoprire per esempio se ci sono differenze a seconda del tipo di pesce consumato. E per spiegare le possibili ragioni alla base di questa associazione Li e colleghi mettono in campo alcune ipotesi: «Il pesce è ricco di molti nutrienti favorevoli per la salute e associati a una diminuzione del rischio di depressione come gli omega 3, tante vitamine e minerali e proteine di alta qualità» precisano gli esperti che poi aggiungono: «gli omega 3 potrebbero per esempio modificare le membrane cellulari e le modalità di azione dei neurotrasmettitori, quei messaggeri chimici che portano le informazioni dal cervello e che possono essere coinvolti nello sviluppo della depressione come serotonina e dopamina».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
L'esperto risponde