Piccoli gesti per la vita, in culla

11 dicembre 2009
News

Piccoli gesti per la vita, in culla



In Inghilterra, Austria e Stati Uniti i casi di morte improvvisa nel lattante (Sids) sono calati fino al 60% in seguito a campagne educazionali. Anche in Italia si vuol andare in tale direzione, ecco perché la MAM Association promuove la campagna "Piccoli gesti per la vita" coordinata da Carlo Gargiulo. L'obiettivo è fornire un importante supporto ai genitori e a tutti coloro che si occupano della cura del neonato, diffondendo alcuni semplici comportamenti e precauzioni, che la comunità scientifica internazionale ha riconosciuto come strumenti per ridurre il rischio di SIDS. Le raccomandazioni dicono di far dormire il bambino a pancia in su, di tenerlo lontano da fonti di calore, dal fumo e di non coprirlo troppo, di farlo dormire nella stanza con i genitori ma nel suo lettino, e di usare il succhietto per addormentarlo. Nei primi mesi di vita, infatti, la posizione più idonea per dormire è sulla schiena su un materasso rigido, senza il cuscino tradizionale e la temperatura ideale della stanza durante l'inverno è 18-20 °C. Inoltre la condivisione del letto con i genitori rischia di sviluppare eccessivo calore. Infine, recenti ricerche dimostrano che il rischio di SIDS si riduce ulteriormente, quando si offre il succhietto al neonato per farlo addormentare. Il succhietto dovrebbe essere adottato quando l'allattamento materno al seno è stabilmente avviato, in genere entro il primo mese, per evitare ogni forma di interferenza, inoltre non bisogna forzare il bambino se lo rifiuta né reinserirlo se durante il sonno lo rilascia. (S.Z.)


Comunicato stampa


Potrebbe interessarti
Impetigine, come comportarsi?
Infanzia
08 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Impetigine, come comportarsi?
Gli screening neonatali saranno realtà in tutta Italia
Infanzia
04 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Gli screening neonatali saranno realtà in tutta Italia
Vacanze estive, genitori in crisi?
Infanzia
27 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Vacanze estive, genitori in crisi?
L'esperto risponde