Meno diabete di tipo 2 con la cucina casalinga

03 dicembre 2015
News

Meno diabete di tipo 2 con la cucina casalinga





Un pranzo casalingo o una cenetta fatta in casa potrebbero essere la chiave per tenere alla larga il diabete di tipo 2, che rappresenta circa il 90 per cento di tutti i casi di diabete. È quanto emerge dallo studio condotto da Geng Zong della Harvard's T.H. chan school of public health di Boston e presentato recentemente nel corso del congresso annuale della American heart association.

«In molti paesi stiamo osservando una forte tendenza verso il consumo di pasti fuori casa» spiega l'autore ricordando che negli Stati Uniti le persone che mangiavano fuori casa erano circa il 10 per cento a metà degli anni '60 del secolo scorso mentre nel periodo 2005-2008 hanno raggiunto il 30 per cento. «In parallelo negli ultimi anni abbiamo assistito a un continuo aumento dei tassi di diabete di tipo 2 e di obesità» aggiunge Zong. Per valutare l'esistenza di un legame tra consumo di pasti a casa e insorgenza di diabete di tipo 2, legato soprattutto alle cattive abitudini alimentari e a stili di vita scorretti, i ricercatori statunitensi hanno raccolto i dati relativi a circa 58mila donne e a più di 41mila uomini già coinvolti in altri studi e che non presentavano diabete, malattie cardiache o cancro all'inizio di tali ricerche.

«Chi consumava tra 11 e 14 pasti - sia pranzi sia cene - a settimana a casa aveva un rischio del 13 per cento più basso di sviluppare diabete di tipo 2 rispetto a chi mangiava pasti fatti in casa meno di 6 volte a settimana» afferma il ricercatore, precisando che i dati ottenuti non dimostrano un rapporto causa effetto, ma solo l'esistenza di un'associazione.

Secondo Zong le ragioni alla base di tale associazione possono essere diverse, ma di certo gioca un ruolo di primo piano il minor peso corporeo di chi mangia più spesso pasti fatti in casa e la migliore qualità di questi pasti. «L'ambiente domestico è meno stressante e questo aspetto potrebbe essere ancora più importante della qualità del cibo per determinare gli effetti benefici di un pasto casalingo» aggiunge Joel Zonszein, direttore del Clinical diabetes center al Montefiore medical center di New York.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Alimentazione
21 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
L'esperto risponde