Quarantenni “attivi” contro l’ictus

06 luglio 2016
News

Quarantenni "attivi" contro l'ictus



Quarantenni “attivi” contro l’ictus


La scelta ideale è cominciare a essere attivi sin da giovani, ma non è mai troppo tardi per iniziare a muoversi e prendersi così cura di cuore e vasi. «Sappiamo che essere poco in forma dal punto di vista cardiorespiratorio aumenta il rischio di ictus, ma non è noto quanto tale associazione sia legata all'insorgenza di fattori di rischio come diabete, ipertensione o fibrillazione atriale» esordisce Ambarish Pandey, del University of Texas Southwestern Medical Center di Dallas e primo autore di un articolo recentemente pubblicato sulla rivista Stroke.

Assieme ai colleghi, il cardiologo ha valutato la relazione tra la salute (fitness) cardiorespiratoria nella mezza età e il rischio di ictus una volta superati i 65 anni, indipendentemente dagli altri più comuni fattori di rischio. Per raggiungere l'obiettivo sono stati valutati nel tempo poco meno di 20mila persone tra 45 e 50 anni di età e i dati raccolti mettono in luce l'esistenza di un'associazione tra una migliore fitness cardiorespiratoria da dall'esercizio fisico in mezza età e una riduzione del rischio di ictus più in là negli anni: meno 37 per cento nel rischio per chi aveva un livello di attività fisica più alto.

«L'ictus resta una delle principali cause di morte e di invalidità permanente» afferma Pandey precisando che la maggio parte degli attacchi ischemici è causata dalla formazione di coaguli che bloccano il flusso sanguigno al cervello. Ma come può l'esercizio fisico aiutare a prevenire l'ictus? «Probabilmente mantiene i vasi più sani e contribuisce a ridurre l'infiammazione che può influenzare la funzione dei vasi stessi» precisa l'autore ricordando le raccomandazioni contenute nelle linee guida sull'esercizio fisico: muoversi almeno 150 minuti a settimana a intensità moderata o 75 minuti a intensità elevata. «Sulla base dei risultati di questa analisi un basso livello di fitness cardiorespiratorio potrebbe essere considerato a tutti gli effetti un fattore di rischio per l'ictus, indipendentemente dalla presenza di fattori di rischio più classici» conclude Pandey.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso
Cuore circolazione e malattie del sangue
16 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso