Mangiare e bere bene per garantirsi un’estate serena

18 luglio 2016
Interviste

Mangiare e bere bene per garantirsi un'estate serena



Mangiare e bere bene per garantirsi un’estate serena


Aria condizionata e bagni nel mare aiutano, ma da soli non bastano. Per riuscire davvero a combattere il caldo estivo è importante anche fare attenzione a ciò che si mette quotidianamente nel piatto e nel bicchiere. Come spiegano gli esperti infatti le alte temperature, l'elevato tasso di umidità e la prolungata esposizione al sole tipici della bella stagione possono portare velocemente alla disidratazione e anche a problemi di salute ben più gravi se sottovalutate. La buona notizia è che il nostro organismo e la natura stessa ci aiutano a muoverci nella giusta direzione segnalando le esigenze che cambiano con il caldo e regalandoci i prodotti giusti per soddisfarle. Per scegliere i cibi e le bevande più adatte al caldo estivo abbiamo chiesto consiglio a Gioacchino Leandro, presidente dell'Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti ospedalieri (Aigo).

Le condizioni climatiche influenzano notevolmente la salute: come cambiano le esigenze dell'organismo nella stagione calda?
«Il cambiamento principale riguarda il bisogno di liquidi: in estate infatti aumentano la sudorazione e l'evaporazione di liquidi dall'organismo e questo comporta la necessità di reintegrare le perdite, ripristinando una quota di liquidi superiore a quella che normalmente ripristiniamo in inverno. Inoltre in estate si riduce il fabbisogno energetico - le calorie - perché non si deve più contrastare il freddo tipico dell'inverno».

In estate è importante evitare il rischio di "rimanere a secco". Come raggiungere l'obiettivo della idratazione corretta?
«La chiave è senza dubbio la corretta alimentazione che include non solo ciò che mangiamo ma anche ciò che beviamo. Il modo migliore per reintegrare i liquidi e i sali minerali persi a causa del caldo è rappresentato senza dubbio dall'acqua, ma ci sono anche alimenti funzionali a questo scopo, in particolare frutta e verdura, che sono naturalmente ricchi di acqua, sali minerali e vitamine. È importante tra l'altro scegliere prodotti vegetali stagionali che già di per sé sono più ricchi di acqua rispetto a quelli invernali».

Gli esperti raccomandano di bere 2 litri di acqua al giorno. La raccomandazione resta valida anche in estate ed è uguale per tutti?
«La quantità dei 2 litri è un'indicazione di massima, ma ciascuno dovrebbe in realtà ascoltare il proprio organismo e cercare di rispondere al meglio per soddisfare le sue richieste: se abbiamo sete dobbiamo bere. In questo contesto, è necessario riservare un'attenzione particolare agli anziani, nei quali lo stimolo della sete spesso si riduce e di conseguenza il rischio di disidratazione soprattutto nella stagione estiva aumenta. Nell'anziano bisogna inoltre tenere conto della frequente presenza di patologie che possono modificare sia quantitativamente che qualitativamente le necessità di liquidi dell'organismo».

E i bambini?
«Nei bambini lo stimolo della sete c'è e funziona, ma a volte è necessario spingere i piccoli a bere perché magari "se ne dimenticano" distratti come sono da altre attività. L'importante è non cercare di placare la sete dei bambini con bibite zuccherate che possono contenere fino a 30 grammi di zucchero per lattina. Si tratta di bevande non adatte al fine di reidratare e dannose per la salute in generale. In estate poi si ha più sete e quindi si tende a consumarne di più raggiungendo un apporto di zucchero decisamente troppo elevato che contribuisce ad aumentare il rischio di sovrappeso e obesità con tutte le conseguenze ormai note sulla salute. Ciò non significa che i più piccoli devono recuperare i liquidi persi solo bevendo acqua: se il piccolo vuole mangiare un gelato non ci sono problemi, meglio preferire però i gusti frutta che non contengono latte, ma acqua e sono quindi migliori per ripristinare le perdite di liquidi senza appesantire l'organismo con i grassi».

Con il caldo oltre all'acqua si perdono sali minerali. È opportuno ripristinarli facendo ricorso alle bevande arricchite con questi micronutrienti?
«La risposta è sì, ma solo se si parla di atleti professionisti che hanno bisogno di una quantità straordinaria di sali minerali e per i quali potrebbe essere utile far ricorso a queste integrazioni. Per chi invece atleta non è, possiamo dire che nella vita quotidiana i sali minerali comunemente assunti con gli alimenti - frutta e verdura ne sono ricche - sono sufficienti a soddisfare i fabbisogni dell'organismo».

Qual è il segreto per riuscire a cambiare le abitudini alimentari in estate e puntare sui cibi giusti?
«Normalmente in estate si riduce la voglia di mangiare cibi particolarmente pesanti e particolarmente ricchi di grassi: è l'organismo stesso che ci guida nelle scelte in base alle sue esigenze. Si pensi per esempio al fatto che in estate abbiamo bisogno di meno calorie e che quasi per tutti lo stimolo della fame si riduce nella stagione calda. Ci pensano la natura e il nostro organismo a farci muovere nella giusta direzione. Ovviamente assieme a un po' di buon senso».

E per quanto riguarda l'attività fisica?
«L'estate è la stagione ideale per fare attività fisica e muoversi all'aperto per rimettersi in forma, ovviamente evitando le ore più calde. Se l'obiettivo è perdere qualche chilo si può per esempio fare esercizio al mattino prima di colazione o al tramonto, oppure si può approfittare della vacanza al mare. Stare immersi in acqua senza far niente spinge il nostro corpo a bruciare calorie per mantenere una temperatura adeguata tanto che un'ora in acqua, anche senza muoversi, permette di bruciare anche 1.000 calorie poiché la dispersione termica è molto elevata».

Cristina Ferrario


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
Alimentazione
15 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
L'esperto risponde