Nuove regole per l’assistenza ai disabili

01 aprile 2010
News

Nuove regole per l'assistenza ai disabili



Cambiano le regole sui permessi di lavoro per l'assistenza ai disabili gravi. Il Senato, infatti, ha dato il via libera definitivo al "Collegato" che modifica l'articolo 33 della Legge 104/92. In sostanza, una volta entrata in vigore la nuova normativa potranno continuare a usufruire dei permessi retribuiti soltanto coniugi, genitori e parenti della persona disabile entro il secondo grado. Parenti e affini di terzo grado, invece, accedono alle agevolazioni soltanto se gli altri familiari più stretti hanno compiuto 65 anni di età, sono affetti da patologie invalidanti oppure risultano «deceduti o mancanti». Infine, «il diritto a fruire dei tre giorni di permesso mensile retribuito non può essere riconosciuto a più di un lavoratore dipendente per l'assistenza alla stessa persona disabile»; fanno eccezione i genitori - anche adottivi - di persona con handicap grave, che possono usufruire di permessi in modo alternato. Sebbene la revisione punti a fare ordine nella materia e scoraggiare gli abusi, alcuni passaggi della nuova normativa allentano di fatto i limiti preesistenti. È senz'altro il caso dei requisiti di «assistenza esclusiva e continuativa» introdotti dalla Legge 53/2000: di tali paletti non c'è più traccia nel testo licenziato, da cui si deduce che una volta entrato in vigore, i lavoratori che non convivono con il disabile potranno accedere ai permessi senza dover dimostrare l'assiduità dell'aiuto alla persona malata.



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Amenorrea
Salute femminile
25 giugno 2018
Patologie
Amenorrea
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
L'esperto risponde