L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

10/06/2005 10:49:38

Paura della folla

Buongiorno,
da qualche tempo avverto un senso di forte ansia quando sono in luoghi affollati. All'inizio non ho dato molto peso alla cosa, pensavo fosse abbastanza normale. Ora però mi rendo conto che per mesi ho inconsciamente evitato i luoghi dove avrei potuto incontrare molta gente. nei week end non sono mai uscita di casa, se non per recarmi in posti molto tranquilli, non sono più andata a fare una passeggiata in centro, ed al supermercato ci andavo solo al mattino prestissimo o negli orari in cui era deserto. Allora ho provato, nelle ultime settimane, a sforzarmi un pò. Ma la mia reazione è sempre la stessa: appena mi avvicino alla gente mi prende un senso di ansia tremendo, sento un improvviso nodo alla gola e comincio a fare fatica a respirare. l'unico modo per calmarmi è allontanermi subito e tornare a casa. Anche solo vedere un parcheggio pieno di auto mi fa agitare, eppure sono sempre stata una persona socievole, ho sempre amato le discoteche, i concerti, mi è sempre piaciuto stare in mezzo alla gente. Non so se questo disturbo (ha un nome?) scomparirà così come è comparso, io me lo auguro perchè sta diventando un problema serio. La mia vita sociale si sta azzerando.
grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/06/2005

Il suo disturbo si chiama disturbo da evitamento ed esprime una condizione di forte ansietà in determinate situazioni che a livello inconscio vengono percepite come pericolose anche se a livello logico si sa che non è affatto così.
Le consiglio di non sottivalutare il problema perchè,se trascurato, può portare ad un èrpgressivo isolamento sociale e conseguente peggioramento della qualità della vita.
Poichè "da solo" è difficile che passi, le cosiglio di rivolgersi ad uno specialista che valuterà quale terapia è più adatta a lei.
Solitamente si procede con ansiolitici ed eventualmnete antidepressivi per un certo periodo, associando la terapia farmacologica, che agisce sui sintomi manifesti, ad un intervento psicoterapico che va ad agire sulle cause profonde del disturbo.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra