L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

06/10/2003

Pigrizia

Ho 30 anni e forse da sempre ho un carattere pigro, ho seguito una terapia comportamentale per alcuni anni ed è emerso che la mia è una pigrizia inerziale, cioè non riesco a partire nel fare le cose ma una volta iniziate le continuo senza problemi.
faccio uso da circa 10 anni di cannabis ma non con freqenza giornaliera(circa 3 volte la settimana). ho assunto per 2 anni psicofarmaci contro la ricaptazione della serotonina ma con esiti non apprzzabili(almeno con questo problema). non pratico sport e ho vita sedentaria. quale strada mi consigliate di percorrere? grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/10/2003

Una diagnosi di "pigrizia inerziale" è un po' poco. Bisognerebbe valutare quanta componente depressiva condizioni questa difficoltà a partire oppure quanta componente ansiosa nell'intraprendere un qualcosa. L'aspetto collegato all'uso di sostanze andrebbe nuovamente letto in relazione ai due punti succitati. Inoltre è anche possibile che l'uso prolungato nel tempo di cannabis sia, esso stesso, una causa di un possibile disturbo dell'umore (tendenza depressiva ?).
Al di la di tutto bisognerebbe darsi delle priorità: se fra queste vi fosse il maggior movimento perch‚ non valutare dettagliatamente quale cosa mi potrebbe piacere (il tiro con l'arco, la vela, ecc.) che non ho mai sperimentato per poi provare ?

Dott. MAURO MILARDI
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra