L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

15/02/2006 15:10:51

Problema invalidante

Ho subito un intervento di artoscopia al ginocchio dx in anestesia B-Block ma poichè ho sentito dolore sono stata narcotizzata con Ipnovel.Al rientro in reparto si sono presentati sintomi strani : tremori e contrazioni muscolari generalizzate senza perdita di coscenza o lucidità (letteralmente "saltavo nel letto"),palpebre che sbattevano velocemente,difficoltà respiratoria,pressione bassa (anche 40),picchi di febbre alta ,dolori e rigidità muscolare.Sono stata ricoverata in sub.intensiva e gli esami del sague rivelavano CK con alti valori.I medici non riuscivano a fermarmi e dissero che stavo rischiando molto.La diagnosi è stata ansia e dopo un EEG nella norma mi hanno insistemente trasferito nel reparto psichiatrico di un altro ospedale.
Quì mi hanno imbottito di piscofarmaci e sono iniziate anche crisi di apnee repsiratorie che non avevo mai avuto prima.I tremori ,le contrazioni e la rigidità mi impedivano qualsiasi movimento così i neurologhi insicuri della diagnosi mi hanno fatto tac cranio ed EMG risultati nella norma.Piano piano ho iniziato a migliorare e sono stata trasferita in altro ospedale e poi dimessa con terapia.Arrivata a casa sotto consiglio del mio medico ho piano piano smesso la terapia.
Sono passati 3 mesi dall'intervento e sono ancora seduta sulla sedia a rotelle.La situazione si è stabilizzata così:se faccio per muovere le gambe ecco che ripartono senza il mio controllo poi piano piano si rifermano e rivia così al minimo movimento.
Non riesco a stare in piedi e camminare o semplicemente spostare le gambe.
Lei crede che si possa trattare di ansia?
Dovrei fare altri accertamenti?
Cosa può essere successo?
Io non so davvero a chi rivolgermi nessun dottore fino ad ora mi ha veramente detto cosa fare per guarire.
La ringrazio e attendo la sua ripsosta.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del18/02/2006

Il quadro clinico è sicuramente ricco di punti oscuri e possono mettere in difficoltà nel fare una diagnosi precisa.
Ha fatto tanti accertamenti, ma mi sembra di capire che non si sia mai rivolta ad un riabilitatore esperto anche nel valutare lo stato psichico. Provi a sentire uno psicoterapeuta : potrebbe , con differenti criteri diagnostici, scoprire aspetti fino ad ora non presi in considerazione.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra