L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

13/01/2007 18:10:55

Referto RM Lombo-sacrale

Salve. A mia madre è statta effettuata la RM lombo-sacrale. Ho provato a leggere il referto per capire cosa avesse ma con tutti i termini tecnici utilizzati ho compreso ben poco. Il risultato del referto è questo: i dischi intersomatici del tratto lombo-sacrale presentano segnale ipointenso in T2 in relazione a fenomeni degenerativi con disidratazione del nucleo. A livello L5-S1 è presente un'ernia discale mediana e paramediana DX, che oblitera il clivaggio adiposo anteriore ed il recesso antero-laterale dx, disloca e comprime l'emergenza della tasca radicolare dx di S1 e determina modesta impronta sul sacco durale. A livello L4-L5 è visibile una protusione discale ad ampio raggio mediana che oblitera il clivaggio adiposo anteriore determinando impronta sulla superficie ventrale del sacco durale. Non si documentano alterazioni morfo-strutturali e di segnale a carico dei metameri vertebrali esplorati. Si segnalano moderate note di spondilartrosi. Questo è il tutto. E' qualcosa di grave? Si può curare o c'è bisogno di operazioni? Spero che mi possa aiutare a capire la sua patologia. La ringrazio anticipatamente e mi scuso se mi sono dilungato troppo. Cordiali saluti. Arrivederla

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/01/2007

In sostanza pare che la mamma abbia un'ernia dicale (fuoriuscita di una parte del nucleo del disco intervertebrale) tra la quinta vertebra lombare e la prima vertebra sacrale che comprime la prima radice sacrale destra. Questa radice innerva il territorio posteriore della coscia e della gambe fino allapianta del piede. Questa dovrebbe essere la distribuzione del dolore.
Per decidere se questa situazione è da trattare conservativamente o necessita di intervento chirurgico è indispensabile una attenta valutazione clinica specialistica che verifichi la congruità dei reperti RM con il quadro clinico. Il consiglio è quindi quello di rivolgersi ad uno specialista di patologia della colonna.

Dott. Pier Filippo Sbaffi
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Neurochirurgia
GENOVA (GE)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra