L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

06/10/2006 18:14:31

Referto RMN encefalo ed orecchio

Salve, sono uno studente (laureando) in medicina e chirurgia della facoltà di Chieti. Vorrei chiedere un parere specialistico riguardo al referto della RMN indicata nell'oggetto eseguita da mia madre.. Brevemente: anni 65, h: 1,63, peso 52 Kg, da anni 5 in terapia per A.R. con metotressato (più metiltetraidrofolato), diclofenac (inizialmente prendeva un coxib), metilprednisolone 4 mg e alandronato. Le sue analisi ematochmiche sono da sempre nella norma, salvo un ultimo lieve aumento della creatininemia (che ha comportato una razionale riduzione della dose del metotressato) e un leggero aumento della colesterolemia (sempre iatrogeno), ma da sempre ha livelli di HDL eccezionalmente elevati (al di sopra del vaore massimo generale).
L'esame è stato dapprima indicato, poi ritenuto facoltativo, in seguito ad una visita ORL e, precisamente, in seguito ad un esame dei potenziali evocati che ha diagnosticato il tipo di ipoacusia (motivo che ha spinto mia madre al controllo), come una ipoacusia lieve neurosensoriale recettiva cocleare, (probabilmente dovuta ad infiammazione "a frigore".)
Data la non invasività della RMN, mia madre ha comunque eseguito l'esame (anche perchè non ne ha mai fatte).
Il referto RMN: "Modesta dilatazione dello spazio liquorale periencefalico specie in sede frontale, dilatate le cisterne silviane. Relativa tortuosità ed ectasia dei vasi del poligono. Minime aree di leucoencefalopatia si apprezzano in sede fronto-parietale destra all'altezza del centro semiovale, parietale destra sottocorticale, frontale sinistra in regione pararolandica, fronto-basale sinistra sottocorticale, parietale sinistra periventricolare. Tortuosità di decorso delle vertebrali con la sinistra che impronta il tronco al passaggio bulbo-pontino.
Nella norma gli angoli ponto-cerebellari con pacchetto dell'ottavo nervo cranico normo-rappresentato bilateralmente, non sono presenti evidenti alterazioni di segnale nelle regioni petromastoidee, sono peraltro presenti alcuni artefatti da movimento, per cui, qualora il decorso clinico lo richieda eventuale controllo a distanza."
Vorrei sapere se le alterazioni encefaliche (dilatazioni, leucoencefalite ed ectasia) sono compatibili con l'età di mia madre, se possono essere legate alla patologia di fondo (A.R.) o se sono alterazioni che necessitano di ulteriori controlli e/o terapie specifiche.
Sperando di non essere stato troppo prolisso, vi ringrazio immensamente per il tempo dedicatomi.
Cordiali saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/10/2006

Penso che non vi sia nulla di preoccupante. Se il dubbio rimane per la presenza di artefatti, e se i disturbi legati all'udito peggiorano sensibilmente, fai ripeter l'esame.
Cordiali saluti e auguri

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra